• Prassi

Vuoi associarti?

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

di Claudio Principi I guardiani de lu ‘randurcà’ A 9 persone piace questo articolo. Mi piace

La vergara e i capponi da destinare

Storie dalla nostra campagna di Ninì de Quinto Nei primi giorni di aprile la vergara aveva preparato due grandi ceste ricoperte di paglia dove, mano a mano, aveva depositato le uova da fecondare. A 13 persone piace questo articolo. Mi piace

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

di Claudio Principi Una caduta da cavallo Sapónetta era conosciuto da tutti a Montolmo perché, A 5 persone piace questo articolo. Mi piace

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

di Claudio Principi Contestazioni allegre Domenico Spadoni, in una sua pubblicazione degli anni ’30, riferito il distico, passato in proverbio e attribuito al lustrascarpe maceratese Ciàcchiti: A 9 persone piace questo articolo. Mi piace

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

di Claudio Principi   La spalatura del granturco I proprietari terrieri vivevano nel continuo sospetto di venire derubati dai loro mezzadri e, pertanto, cercavano di esercitare la massima sorveglianza possibile, specie nei periodi delle raccolte. Il cereale più soggetto alle ruberie, da parte dei contadini, era il granturco, prezioso per l’alimentazione e della famiglia e […]

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

di Claudio Principi   Un ladro di polli Ho intercettato questo dialogo fra due donne: “Lu fiju de Lèlla, quanno lu vó’ vedé’, ci-ha sembre sonnu, camina all’uru come li somari, fa lu rumasòtta, non guarda su la faccia a gnisciù… dico: ma se po’ sapé’ che fa’, de che camba?” (Il figlio di Lella, […]

Lo pà’ e li dendi

di Alvaro Norscini   Chi ci-ha lo pà’ non ci-ha li dendi chi ci-ha li dendi non ci ha lo pà’ È un vecchio proverbio popolare che associa quello che allora era un alimento indispensabile come il pane ai denti, atti a masticarlo. Quando ci sono entrambi (pane e denti) tutto va a gonfie vele, […]

Rime di protesta sociale

Vecchi detti dialettali   E le donne de Mojà / per tre sòrdi va a monnà’; pòre donne svindurate: / nove sòrdi tre jornate!   Vàngala contadì la capezzaja, / a lu patró lo grà’, per te la paja; / vàngala contadì la tèra dura, / a lu patró lo grà’, per te la pula! […]

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

di Claudio Principi   Un frutteto da leggenda I frutti, nei tempi di miseria e di contatto con la natura che li forniva, erano considerati un ottimo companatico e così, presso ogni albero carico di frutti maturi, lodandoli con il motto “Cóti e magnati li frutti è bóni!” (Colti e mangiati i frutti sono buoni!) […]

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

di Claudio Principi     Educazione a tavola Si dice che un giorno di fiera venne a Montolmo un fattore di Macerata, per via che un colono del luogo, dipendente dalla sua amministrazione, doveva fare un importante acquisto di bestiame. Le trattative andarono piuttosto per le lunghe perché il contadino ci teneva a fare bene […]

La sittimanasanda…pupa do’ simo ‘rriati!

di Fabrizio Giorgi   Doménneca Doménneca statìo a vedé’ quilli che facìa la corsa pe’ Macerata e agghjo sindido e visto ‘na cosa da recordarse! Lì piazza Pizzarello ce statìa dui dell’organizzazio’ che facìa li vigili pe’ no’ fa’ pijà sotto quilli che ‘rriava da via Cioci e ghjava a fini’ la corsa a li […]

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

Di Claudio Principi   Il granturco rubato Un giorno sòr Andò, uno dei più cospicui proprietari terrieri del circondario, tra il serio e il faceto, disse a Tombétta, ritenuto il più furbo dei suoi mezzadri: “Quando me piacirìa, a me, sapé’ quando putisse lo ‘randurco che me fréchi ‘st’annu..! E me piacirìa sapéllo pròbbio da […]

L’affaire Carivardi

di Mauro Valentini     ‘Lla matìna Andò de Riccitéllu adèra scappatu prima der solito: lu cacciulittu s’era mistu a smanià’ in andìcipu pe’ li visogni sua e, visto ch’adèra tembu vónu, Andò se fece lo caffè, se ficcò la cappottella leggera, ‘nghjiavò casa e scappò pe’ vvia Carivardi. I’ gniru non ge statìa ‘n’ànema: […]

Citanò-Macerata che derby!

di Fabrizio Giorgi Mazzate, ce lamendimo de li vusci jó ppe’ le strade de Macerata, ma l’ardra doménneca a Citanò me so’ ‘rcridutu! Scappatu da la supestràda, so’ ‘rriàtu a lu campu spurtivu e da llì agghjo pijato lu viale che ‘rporta su la piazza e me parìa de ‘rtroàmme co’ li nonni nostri a […]

Llagghjó, all’Inferno!

di Umberto   Il parroco, piuttosto in là con gli anni, racconta qualche spezzone delle sue prediche. C’era una parola dialettale che pronunciava spesso con vigore e rabbia: “Llagghjó!” A 6 persone piace questo articolo. Mi piace

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2109324