• Prassi

Vuoi associarti?

Lu vécchju sfinitu

Print Friendly, PDF & Email
di Enrico Ricciardi
vecchio volto

Se me passi vicinu e che me guardi,

osserva vène drendo l’ócchj mia,

pare mórti a la luce o in agunìa;

un témbu avìa vigore e fi gajardi:

adesso è rmasti cumme du’ lummì’

quanno che s’ha finito lu stuppì.

 

E queste vracce stracche e rilassate

che mango je se fa a rizzalle su

ha fatigatu e non ne pòle più.

Le zampe cumme tronchi è diventate:

se vede che la morte ghjà se ‘ppressa

perché me tengo rittu pe’ scommessa.

6 dicembre 2017

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 3.012.635