• Prassi

Vuoi associarti?

San Martino de Fiastra: la casetta de legno

Print Friendly, PDF & Email
Poesia in dialetto dedicata alla stupidità umana che non conosce il concetto di dignità
peppina-e-limpatto-ambientale-della-casa-di-legno

Le scatenate forze de natura

spisso no’ resparmia le macerie

e, comme sempre ‘rèto a la sciagura,

farze promesse ‘ccappa le miserie.

 

Le care fije mia, co’ tanto amore,

de legno m’avìano fatto ‘sta casetta

ma, una dura legge sinza còre

me manna lu sequestru e la desdetta.

 

Sintite, sintite che coraggiu!

La mia casetta ‘turpa lu paesaggiu!

Le macerie, sempre llì, sinza crianza

‘turpa li recòrdi e la sperànza.

 

Non ce penzate de famme trasfirì…

Io non so’ certo fijia de paura,

faccio parte ormà’ de la natura.

Io qui so’ nata e qui vojo murì!

 

Amo ‘éste montagne famijiari

per me, de ‘na vellezza sinza pari

ch’a salutà’ lu jornu ‘dè le prime

quanno lu sòle ‘ndora quelle cime.

 

De anni ne àgghio quasci cento

anche se tutti quanti no’ li sènto.

Spero de campà’, quanto Dio vòle,

pe’ lanciàvve ‘ste pietre de parole:

 

“Fàmme che ‘sti sogni non sé vóla…

de non piagne ‘ste lacreme che cóla.

De non patì’ ‘sto friddo e desonore

in quattro metri de contenitore.

 

Co’ ‘na stufetta che pòle, sùu malgradu,

arzare, scì e no, de quarche gradu

e dopo tutto questo, pegghio ancora,

lu vagnu in cumune llà de fòra!”

 

Qui, la Regione ‘nsémo co’ lo Stato,

è cumme fusse “lo Cìncio e lo Strappato”!

e se comporta porbio comme tale

‘ché lu remediu è pègghio de lo male!

 

‘Scì comme fai, che ‘gni musto è vino.

repòrtace l’estate… o San Martino!

Scalabrino

13 novembre 2017

A 13 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.913.411