• Prassi

Vuoi associarti?

Romandicismu culinariu

Print Friendly, PDF & Email
di Urbano Riganelli
rose rosse

Su la tilivisió’, tutti li jorni,

ce sta ‘na trasmissió’ su la cucina;

tutta robba recercata e sopraffina

da li primi, li secondi e li condorni;

 

e li cóchi più famusi, tutti panzó,

ta ‘nzegna a fa’ tandi capolavori

co’ la farina, li sughi e ll’odori,

tutte novità e gusti a profusió’.

 

Pe’ la moje de Peppe adè un ritu,

se segna ‘gni cosa minuziosamente

adè pignola, no’ je sfugge gnende

pe’ potè pijà’ pe’ la gola lu maritu.

 

Pe’ lu vendicinguesimu de le nozze,

da lu mazzu che lu maritu j’ìa portatu

jeci rose rrosce ci-ha sfilatu

e le cucina ‘nzeme co’ le cozze.

 

E mendre Peppe magna ‘lla stranezza:

“Coccu che ne dici de ‘sta portata?

Non te pare ch’adè mordo prufumata?

Non sindi su la vocca che freschezza?”

 

Issu: “Sarrà ‘na pietanza sopraffina,

ma che finaccia ha fatto ‘stu fiore:

da simbolu ch’adera de ll’amore,

adè finitu su ‘na tazza de latrina!”

11 novembre 2017

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.890.713