• Prassi

Vuoi associarti?

Le desgrazie non vène mai da sole

Print Friendly, PDF & Email
di Scalabrino
ape piaggio

Era un sognu ma parìa viro

che mentre passeggiava la Fornero

attunno je volava ‘na cioétta

comme alli patentati pe’ la jètta.

 

Una gajìna che cantava a gallu,

lu tassu strignìa ‘n ferru de cavallu,

e quanno la ministra fu de spalle…

un gattu niru se toccò le palle!

 

Contra a tutto quer che porta male,

lèsta la jènte ce spargìa lo sale!

La dicirìa che se sente in giro

è che li sogni ‘che vòta porta viro.

 

È ghiuste e sacrosante le parole

che le desgrazie no’ ‘rrìa mai da sole.

Defatti, se pòrbio vè’ ce penzi,

‘ssemo a Monti è ‘rriàtu Renzi!

 

Encomenzò co’ quella legge infame…

li pinzionati li portò a la fame.

Pe’ l’operaiu immece chiudì un occhiu:

stava in piedi, lu mittì ‘n ginocchiu!

 

Mmó, dopo sessant’anni de fatiga,

prima d’anni ne èreno quaranta,

l’Onorevole ministra de la sfiga

de queste malefatte se ne vanta.

 

De magnauffa longa ‘dè la lista

sinza conosce che vòr dì’ “Lavoro”,

ci-à vitalizi e pinzioni d’oro,

con auto blu e tanto d’autista!

 

A nu’ immece, ‘sti tistù de rape,

in pinzió’ ce mannano co’ l’Ape!

O compà’ tu te devi fa’ coraggio,

‘ché l’Ape adè quella de la Piaggio!

 

Lu mezz’adattu pe’ lo jì ‘ccattènne,

sennò te ‘ttacchi a quello che te pènne!

Pe’ poté’ magnà’ lo pà’ co’ l’ajo,

‘a ‘nazalata sinza acìto e ojo.

 

Pe’ la pinzióne no’ rompe li cojómbri,

fai un mutuu in banca e te la combri!

Fusse l’iniziu, dopo tanti danni,

quillu schiaffó’ de Sesto San Giovanni!

13 ottobre 2017

A 9 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.786.611