• Prassi

Vuoi associarti?

La casetta de legno de ‘lla pòra Pippina terremotata!

Print Friendly, PDF & Email
Una serie quartine in dialetto maceratese scritte da Cesare Angeletti in arte “Cisirino”
peppina la casa di legno quasi invisibile

‘Na forte scossa de teremotu, potente,

ha lamàto la casa de ‘lla pòra Pippina

ch’era nata e crisciuta, felicemente,

in quillu paisittu sull’arta cullina.

 

Essa non vulìa jisse via da lu paese

e le fije, co’ sacrificiu, j’ìa comprata

‘na piccola casetta, sinza pretese,

ndò putìa campà’ tranguilla e veàta.

 

Lo Stato, pe’ li teremotati, puritti,

dopo un annu, non ha fatto cosa.

La casa non avrà respettato li diritti

ma adè pe’ ‘na vecchjetta desiderosa

 

de continuà’ a campà’ do’ adè nata.

Un giudice, co’ la lancia spianata,

manco ‘na dilinguente fosse stata,

a ghjsse via, sverta, l’ha condannata.

 

Li puliticanti ha fatto solo, tar quale,

che co’ li teremotati, cara e pòra jente,

ce fa solamente la campagna ‘lettorale,

a chiacchiere ma de fattu non fa gnente.

 

Ammó a Pippina j’ha strappato lu còre

e campa drento a ‘llu cuntinitore fetente.

L’onorevoli seguita solamente a discore

e non se vergogna de non aé fatto gnente!

10 ottobre 2017

A 14 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.743.496