• Prassi

Vuoi associarti?

A Urbs Salvia sarà musealizzato un edificio del II secolo a.C.

Print Friendly, PDF & Email
L’equipe che ha concluso lo scavo è composta da archeologi laureati a Unimc
scavi Urbs Salvia

 

Proseguono le ricerche archeologiche dell’Università di Macerata a Urbs Salvia. Grazie a una concessione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, coordinata dal Soprintendente all’archeologia belle arti e paesaggio Carlo Birrozzi e dall’archeologo Giorgio Postrioti, l’équipe del professor Roberto Perna, con il supporto tecnico-scientifico e operativo della Abaco Soc. Cooperativa di Fermo, composta da giovani archeologi laureati di Unimc, e il sostegno del Comune di Urbisaglia, ha portato avanti le indagini nell’area forense dell’antica città.

 

Musealizzazione dell’edificio

Quest’anno i lavori assumono una dimensione e una prospettiva ulteriore, in quanto la conclusione dello scavo dell’edificio repubblicano all’angolo sud-ovest della piazza è propedeutica al restauro e alla musealizzazione dello stesso attraverso la realizzazione di una copertura che proteggerà le delicate strutture e della quale sono già stati fondati i piloni a seguito una attenta opera di tutela.

“Si tratta – ha commentato Roberto Perna – di un esempio quasi unico per le Marche di edificio collocabile cronologicamente nel II sec. a.C., che documenta una fase fondamentale per la vita della città e del territorio, quella legata alla sua fondazione come colonia in età graccana e alla definizione della sua forma urbana”.

“Non è del tutto scontato che un lavoro di scavo archeologico, durato più di 10 anni – aggiunge Giorgio Postrioti – si concluda con una attenta opera non solo di tutela, ma anche di valorizzazione, esito della collaborazione stretta tra Soprintendenza e Università. Il metodo di lavoro applicato da tempo ad Urbisaglia, che vede la collaborazione stretta tra Soprintendenza, Comune e archeologi Unimc, ci consentirà ancora di ottenere frutti importanti per la valorizzazione del territorio”

 

Il finanziamento

Il lavoro è stato finanziato dal Comune grazie ad un Progetto approvato nell’ambito dei fondi Arcus del Ministero dei Trasporti e del Mibact. Su questo aspetto si sofferma in particolare il sindaco di Urbisaglia Paolo Giubileo. “L’elaborazione del progetto – spiega – è l’esito della stretta collaborazione tra Comune e équipe del professor Perna che, insieme con la Soprintendenza, hanno elaborato un Piano di gestione dell’Area del Parco archeologico che è il punto di partenza per ogni attività di valorizzazione e che ci stiamo impegnando a realizzare in tutte le sue parti. La musealizazzione dell’edificio repubblicano è il primo di una serie di interventi che lo stesso Progetto Arcus ci consentirà di realizzare”.

 

Archeologi laureati a Unimc

“Quanto si sta realizzando è un esempio particolarmente significativo – commenta il rettore Francesco Adornato – dell’applicazione dell’umanesimo che innova. Solo con una forte formazione di natura umanistica si può, infatti, organizzare e gestire in maniera coerente un processo che porta dallo scavo archeologico, realizzato attraverso le più rigorose metodiche, alla valorizzazione del territorio. Trovo estremamente significativo che questo lavoro, insieme con i nostri studenti, sia realizzato da un’azienda formata da laureati in archeologia del nostro Ateneo, a dimostrazione che prima delle tecniche vanno le idee e i progetti culturali, senza i quali le competenze innovative, che le nuove tecnologie ci mettono a disposizione, rischiano di essere improduttive se non dannose”.

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.488.440