• Prassi

Vuoi associarti?

Lu veru céndru de Macerata

Print Friendly, PDF & Email
Scritto per la festa della S.E.F. da Mariella Marsiglia
p 21 campo sportivo della vittoria ph f.pallocchini

Non adè vviro che a Mmacerata non ce sta cosa. Scì, la Lube ce l’ha frecata Citanò, ha chiuso li cinema, la Banca d’Italia, la Standa, l’Upime e ttandi vuttegà (e mó anghe le Chiese) ma questu adè un addru descorsu. “Lu cendru – dice lu maceratese – s’adè svutatu perché non ce se pò vinì più ssù co’ la machena e sse cce rìi, non ci hai lu tembu mango pe ‘na pisciatella”. Quarghe turista coragghiusu vène sù e ‘rmane ‘ncandatu a gguardà li “pupi” che ffa’ lu jiru tunno la Madonnetta de la Tóre. Questu cendru adè cunsideratu cuscindra solo da pochi maceratesi o vacanzieri ma lu veru còre de la città adè, per noaddri Siffini de nascita, soprattutto pe’ quilli co’ li capiji vianghi comme mme, lu Cambu Spurtivu de li Pini. Ecculu, se chiudete l’occhi lu vedete ‘nnabbuscatu da lu Munumendu de la Vittoria, lu pizzittu de verde che ffà cuccunèlla tra li pini marini, scì, angora quilli che je jira tunno tunno uasci pe’ faje corona e reverenza. Quillu Cambu tandu caru a Albino che lu curava con amore e ce lluccava, le rare òrde che faceàmo casciara ma poi ce serviva dorgemende le ‘ranciate e le gazzose pe’ ffacce smorcià la sete. Quillu cambu svutu, sinza ‘ttrezzi de sòrta che quanno duvìi córe, addro che li blocchi de partenza! Se vulìi partì, duvìi scavà co’ le mà’ le vuscette e ppo’ mettetece vè im posizio’. Quillu cambu che non conosceva pedane o addro pe’ li sardi, e se te java vè’, ‘tteravi su u’ mmare de sabbia reportata, forsce da lu Chiendi. Quillu cambu che ci aìa le corsie fatte de tèra dura dura e che noà’ potiàmo zappettà co’ le scarpette pesandi, chiodate, fatte da Medè, prestate e rprestate fra de noàddri, quasci per preparà’ lu terénu per un seme nóu, che avrebbe rcacciato e sverdeggiato: le speranze e li sogni de tandi vardasciù. Quistu è lu veru cendru de Macerata che vivrà sembre nei nostri recordi, campo che ci ha visto: nasce, cresce, che ci ha protetto, ‘dducato, ‘nzegnato a crede in noi stessi co’ la convinzio’ de migliorà’ e de vinge, ma anghe co’ la capacità d’èsse scunfitti co’ onore, co’ la voja de ‘rprovà ancora e ancora e co’ l’entusiasmo vivu d’èsse sembre presendi. Se anghe la nostra città perde li pezzi (spirimo che se salvi armino lu Sfiristeriu) Macerata deve èsse fiera, ‘rgojosa, superba per avé’ ‘ccando la Grande Seffe, che grazie a la bravura de tutti, ha visto finalmente brillà proprio a coronamendu de li settand’anni, la stella d’oro der Coni. Grazie Seffe e grazie  a la Squatra Meravijosa  de li Màstere,  che è stata capace, anche co’ poche persó’, co’  pochi ‘lemendi, de cuprì tutte le spicialità, ottenendo risultati grandiosi. Donne e uomini validissimi (sembre vardasci ner còre) che hanno trasformato, co’ l’armonìa tra forza e passió’ per l’atletica, sé stessi in veri campioni: esempio, testimone da consegnà’ a le giovani promesse che verranno. La vita non nasce nelle piazze ma nelle corsie, nelle attività agonistiche. Lo Sport è vita, una grande vita!

24 luglio 2017

 

A 15 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.512.511