• Prassi

Vuoi associarti?

Lu gender? Quanno ho capito d’èsse’ ‘na fimminuccia

Print Friendly, PDF & Email
Racconto in dialetto maceratese di Mariella Marsiglia
GENDER

Che lu munnu adè cambiàtu, ce lo sapìmo vè’; vasta recordà’ quello che ce dicìa ‘na ò’ li vecchi nostri co’ la voce e sopretutto co’ l’esembiu; modu de penzà e vvive che c’è rmastu drendo e cche cce fà scòte la testa ‘gni òrda che facimo lu parago’ co’ li tembi de ogghji. Non s’adè solo trasformato lo rajonà’, s’adè proprio scapordatu lu pinzieru, adè spariti li palitti ‘n do’ te duvìi fermà’ su la strade de la vita, mmó poli jì avandi a  rrètro, vuttà’ l’addri fòri strada, poli fa’ tutto comme te pare. Da vardascetta javo a lu cinema e ce statìa lu  vónu e lu cattìu, a la fine quillu vónu, che vingeva sembre dopo avé’ fatto jiustizia, rpartìa su lu cavallu viangu verso la prateria scunfinata per addre avventure. Ce statìa la legge da respettà’ e sopretutto la logica de lo vive: lu paese tua, la casa, la famija, li fratelli, l’amici e tutto quello che te jirava dorgeménde ‘ttunno. Ammò lo vène  e lo male s’adè convusi, s’adè proprio scapordate le parti; lu latru pòle  rubbà’ tranguillu, l’immigratu stuprà’ le vardascette, quell’addru pòle ‘mmazzà e scappà’ subbito da la prijò perché lu judice je dice ‘nnocende. Ce sta comme un velu de proteziò’, de sopportaziò’ proprio senza sènzu comme per ddì’: “E che cce vóli fa’, so’ vardasci londani da lu paese sua, lassa pèrde”. La tilivisió’ in modu particolare li chiama famijarmende per nome non usando la parola justa per non ferì’ certe persó’. Non se deve fa’ distinzio’ de sorta, non se pòle offende nisciù, a costu de soffocà’ le nostre tradizio’ e li diritti. Vesogna accettà’ e accoje tutti ne lu mare de la misiricordia. Papa Frangesco l’ha dimostrato sciucchenno li piedi a li carcerati e no’ a li vardasci disuccupati o a li pinzionati che cerca de vive, co’ dignità, la stessa parola di Cristo. In questa granne confusció’, o mattità generale, sboccia pure lu Gender: un serpendellu viscidu e schifusu ma co’ lu modu jindile e raffinatu, che cerca de ‘nfilasse ne le scòle per confonne de più le crature, ghjà tando proàte da le famije. Fortunatamende lu Ministeru ‘talianu de la Pubblica Istruziò ha misto le mà’ ‘vandi,  ma in certi paesi, de questa strana Europa, lu serpendellu adè ‘bboccatu e s’è ‘nnidatu ne lu còre de li vardasci. Adè comme se io chiedessi a la nipotella, ‘ppena rizzata: “Ogghji che vvóli èsse’: un maschiettu o ‘na fimminuccia? Vóli mette’ la cravatta co’ li pantaloni o lu vistitellu  rosa? Oppure te sindi d’èsse’ ‘n’addra persona che te pescolla drendo e vòle scappà’ fòra?” Naturalmente sapé’ ora comme vive nel suo indimo un vardascittu de jeci anni, che penza solu a jocà’, non risolve lu grave problema che s’adè posti li maghi de lu Gender e cioè: li sociologi, li pissicologi e li scénziati che perseguita li genitori… “Per  un sano sviluppo interiore nel prossimo futuro dei loro figli”. Ma tornamo a la mia infanzia, vèlla, perchè tormendata da tandi avvinimendi comme la guera e addri dispiaceri, che me hanno sicuramende fatta dovendà’ più forte pe’ lu restu de la vita. Statìo spesso sola, perchè l’orariu de mi’ matre maestra, e quillu de mi’ patre ‘mbiegatu, non se ‘ncundrava co’ li nostri de scolari. Mi’ fratellu, più granne de me de tre anni, adèra la mia sicurezza e la mia proteziò’; statìo sembre co’ issu ne lu gruppu de li maschiacci, anche ne li jochi come guardie e latri, all’indiani… e comme currìo vè’ per non famme ‘cchjappà! Certe vòrde me sopportava co’ paciènza ma spisso me cacciava cattìu, anghe co’ le sberle e me dicìa: “Va’ a jocà’ co’ le femmene!” Ma io statìo mejo co’ issi, ccuscì mbo’ me nascunnìo, po’ me ‘ccostavo e me rpresendavo co’ la grossa chjàe de casa su lu collu e la menza filetta de pa’ ch’adèra la nostra merenna. Adèra tutto tutto normale, non ce statìa problemi. Lu seconnu che nasce, comme la natura vòle, cerca de imità’ lu più granne che fà d’esembiu a tutta  la coàta, ma io ce lo sapìo che mi’ fratellu era diverso da me, non agghjio dovuto fa’ l’incondri co’ lu pissicolugu e co’ quilli de lu Gender per capillo. Ce lo sapìo e vasta, comme lo sapìa tutti l’amici senza dillo: adèri o maschiu o femmena. Questa cunsideraziò, ‘na cosetta, l’avìo fatta a tre anni, quanno slocchjài fràtemo, sembre de spalle (guai a vedesse!) mendre facìa la pipì. Era véllo sta a guardà’ lu zambillu sembre pricisu, che centrava lu vater co’ ‘lla dorge musichetta. Per me era solo questiò’ de bravura, de slangiu condrollatu e cce provai… tande e tande ‘òrde pure io, ma nonostante li tentativi e li sforzi mendali, la mia pipì scennèa lenda, silenziosa, scorata, sembre in ghjò, bagnannome tutta. Mi’ matre se dannava ma non me  spiecava lo perchè. Dopo tande imitaziò’ fallite, capìi che lu miu caru fratellinu, in quarche modu, era diversu da me e che ci-aìa ‘na mira più forte de la mia, scìa a tirà’ li mattù’ a li nimici e scìa a ppiscià co’ lu  zambillu verso la direzió’ vuluta. Non me ne frecò più de tanto, ero deferende da issu e ero mejo per addre cose; non adèra un dispiacere, ma una promessa per una fimminuccia in un monnu tuttu da scoprì’!

23 luglio 2017

 

A 6 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.494.692