• Prassi

Vuoi associarti?

Notizie vere, curiose e divertenti: “Gli anni passano le mogli invecchiano”

Print Friendly, PDF & Email
Tratto da “Dicerie popolari marchigiane” di Claudio Principi
bottega del bottaio 1

Nèno de lu Vottà una mattina entrò in bottega dov’era già il suo socio Ghetà de Raschjó e, siccome Ghetà non rispose neanche al suo saluto e lo vide che aveva una brutta cera, gli fece: “Che mmariannàccia ci-hai? Che ssi durmito a cculu scopértu. stanotte?” – “Pegghjo – rispose Ghetàso’ ddurmito co’ ‘na vecchja!” (Peggio, ho dormito con una vecchia). “Quéssa po’! E cchj sarrìa ‘ssa vecchja?” (Questa poi, e chi sarebbe questa vecchia?). “Adè mmójama, che ieri ha funito cinguand’anni” (È mia moglie, che ieri ha compiuto cinquanta anni). “A vedélla, non ze dirrìa, e ttu te ne rpiji?” (A vederla non si direbbe, e tu te la prendi?). “Lu fattu adè – spiegò Ghetàche stamattina quanno me so’ rrizzatu, m’è vvinuto penzato che se tand’anni fa chjiduna m’aèsse ditto che un gnórnu sarrìa jitu a lléttu co’ ‘na donna de cinguand’anni, è rròbba che me ne rridìo, o puramende lu ‘mmazzavo” (Il fatto è che stamattina, quando mi sono alzato, mi è venuto pensato che se tanti anni fa qualcuno mi avesse detto che un giorno sarei andato a letto con una donna di cinquant’anni, è roba che me la ridevo, oppure che lo ammazzavo). “Ma se tte ne vergògni e tte dà penzé, sai che tte dico Ghetà? A lléttu co’ mmójata ce pòzzo jì’ io!” (Ma se te ne vergogni e ti da pensiero, sai che ti dico Gaetano? A letto con tua moglie ci posso andare io!). “Se cce vai tu, de vergògna me ne lèi una, ma me ne ‘ppecetti ‘n’atra più ggròssa, fiju de ‘na mammana!” (Se ci vai tu, di vergogna me ne levi una ma me ne appiccichi un’altra più grossa, figlio di una buona donna!). “Allora, è mmèjo che ‘bbadimo a ffatigà’” (Allora è meglio che badiamo a lavorare) concluse Nèno sorridendo sornione.

21 luglio 2017

A 6 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.508.917