• Prassi

Vuoi associarti?

C’era ‘na òrda lu cendru storicu…

Print Friendly, PDF & Email
Frasi in casa tra moglie e marito di Alvaro Norscini
piazza-libertà-ph-larucola

“O Giovà, penza che da ‘sta matina in piazza de la Livertà non ce se po’ più parhceggià’! ‘Sta matina a le nove stava a spostà’ tutti li ‘panettoni’ co’ le catene verso la Prifittura”.

E ‘n gorbu Arvà… co’ le catene? E quant’èra grossi ‘ssi diàuli de panittù’? E ppo’ de magghju?

“Ch’arrài capito Giovà!? Li ‘panettoni’ adè quilli de cimentu piandati per tèra, quilli che tène tese le catene lì piazza. Cuscìndra ha leàto de fattu lu parcheggiu”.

Allora Arvà, comme farrà chi ci sta de casa, o che ci-ha ‘n’attività?

“La lascia lì lu parcheggiu pe’ li risidendi, o paga l’abbonamendu a li parcheggi coperti. Per adesso deve fa’ cuscì!”

Come: per adesso?

“E scìne Giovà… oramai, comme va le cose e com’adè la tendenza dell’amministrazio’ cittadina maceratese, pe’ lu futuru all’inderno de le ‘mure’ non ce se potrà sta’ più de casa”.

E perché, Arvà?

“Eh… Giovà… li negozzi chiude, scì pe’ la crisi ma anghi perché co’ la machina non ce póli ghj, non póli parcheggià’ e… se, puta casu, tròi lu postu… quanto te costa? Cuscì la jende va su li cendri commerciali do’ ce ttròa tutto e non se paga mango un cendesimu pe’ la machina”.

E certo Arvà…”.

“L’uniche attività che va discretamende, dendro le mure, è quelle de la ristorazzio’, le gelaterie e li vàr”.

E scì Arvà… furtuna li studendi universitari che cunzuma ‘che ccosa… ma… Arvà, non sarrà che ‘issi’ ha libberato la piazza perché, ‘gni tando, ce vorrà fa’ un pranzu grossu?

“E pòle èsse’ pure Giovà… tando, a pranzi e taulì’ èllo otre s’è ‘llargati ‘n po’ tutti… l’addra sera parlavo co’ ‘n vardasciu che ci-ha casa dendro lu cendru storicu de Macerata… ‘na casa che je l’ha lasciata lu patre… e adè pure ‘na vèlla casa… Embè, issu ci-ha ‘ndenzio’ de spusàsse, de métte’ su famija… e cuscì, pe’ non cumblicà’ le cose e per aécce ‘na vita più tranquilla, ha misso in vendita la casa storica pe’ combràssene ‘n’addra jó a Villa Potenza”.

E certo Arvà… fa vène, armino lagghjó la notte se pòle ripusa, non ci sta le scorrerie, li schiamazzi e lo casì’!”

“La machina la lascerà sotto casa, tando a Villa Potenza li sirvizzi ci sta tutti”.

Penza ‘n bo’ Arvà… quanno a tembi andichi ci stava Hervia Recina… statiàmo tutti lagghjó…”.

“O Giovà… me sa che piano piano ce rghjmo ‘n’addra òrda tutti a Villa Potenza!”

Arvà… lo pòzzo dì?

“E dillo..!”

Sarrìa comme ‘na specie de legittima difesa!?

20 luglio 2017        

A 8 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.509.059