• Prassi

Vuoi associarti?

Le corèndi pulitiche

Print Friendly, PDF & Email
di Urbano Riganelli
elezioni 1968

Lu partitu mia me sta troppo strittu,

siccome che prestu se jirà a votà’,

quello che dice non me piace più:

me pare che non sa che pesce pijà’.

Se a me ‘na cósa no’ mme sfasciola

e so’ sicuru de avécce rajó’: fo cagnara!

Non sopporto li ‘rrogandi e li fanfarù’

e mango li saputi che fanno casciara!

Co’ quilli che ce stà’, formo ‘na corende

che la deve penzà’, spiccicatu, a mme

e a certi je facimo vedé’ li surci verdi,

je ‘mbarimo la pulitica fatta vè’.

La pulitica deve èsse’ una sola,

deve indicà’ la via justa comme un faru,

chi parla deve dì’, sulu, pane ar pane,

chi bée deve dì’ vino ar vino. Chiaru!

Lu votande: “Co’ tutte ‘sse corendi

non rischierete ‘na vrongo purmunite?”

Troppi ‘ssi movimendi: ce cunfunnimo.

E le promesse fatte? Do’ adè finite?

Oh Italia nostra vèlla e sgangherata,

co’ ‘ssi pulitici che non fanno gnende,

che ‘na òrda ‘rrigati su la greppia

magna e se ne fréca de la pòra jende.

Certi dice: “Basta! Ce vòle nòe elezió’!”

Co’ quale sistema? Consultellum,

porcellum, mattarellum, italicum,

oppure legalicum? Che gran casinum..!

Adè mejo vuttalla in varzelletta…

Me sa tandu ch’è rmastu sulu da pregà’:

l’elezió’ adè inutili va su sembre issi.

Ce vòle u’ stommicu de fèro a jì a votà’!

comizio elettorale: piove governo ladro!

23 giugno 2017

A 6 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.498.304