• Prassi

Vuoi associarti?

L’ùa – con traduzione maceratese/italiano

Print Friendly, PDF & Email
di Mario de Rongó
uva

Una de quelle tande òte che vvulìa fa lu granne, Fiurindo de Repubblica se adè mmistu a vantà l’ùa sua: “L’ùa mia st’anno… l’agghjo custidita vène e bbène m’ha réso: pénza che ‘gni quindale ha fatto cènto e cinque litri de musto, sinza la stretta”. Cuscì, edè ccomme l’ùa de Repubblica, adè rmastu un modu de dì’ adattatu a li contadì’ che frecava l’ùa (o atre cose) a lu patró’, ccuscì che lo musto, anghi se ccotto, ne putìa èsse’ de più de l’ùa pesata… co’ lu patró’!

 

Traduzione

Una di quelle tante volte in cui  voleva fare il grande, Fiorindo di Repubblica si è messo a vantare la sua uva: “L’uva mia, quest’anno… l’ho curata bene e bene mi ha reso: pensa che ogni quintale ha reso 105 chili di mosto, e senza la stretta”. Così, “è come l’uva di Repubblica” è rimasto un modo di dire adattato ai contadini che rubavano l’uva (o altre cose) al padrone, così che il mosto, anche se cotto, ne poteva essere di più dell’uva pesata… con il padrone!

13 giugno 2017

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.488.590