• Prassi

Vuoi associarti?

Giovà, Arvà e li sfollati

Print Friendly
Toccante incontro al mercatino, di Alvaro Norscini
mercatino a recanati

Questo è il racconto di un toccante incontro in un mercatino

Giovà: “O Arvà, si rvinutu? Comme è ghjtu lu mercatinu a Recanati?”

Arvà: “E comme è ghjtu… tra la piazza che era tutta ‘na vùscia e lu trafficu de le machine ‘zzeratu, de perzó’ ce n’era póche-tande e quelle póche che s’è presendate non combrava cosa! Agghjo vinnuto a unu de Macerata, che po’ fa li mercatini pure issu… penza ‘n bo’ Giovà..!”

Giovà: “Embè, mejo de gnende adè!”

Arvà: “Mah… so’ rvinutu co’ pochi sòrdi e pure co’ un bellu magó’ su lu stommicu!”

Giovà: “Perché, che è successo Arvà?”

Arvà: “Eh… pe’ tutti ‘issi sfollati de lu trémotu Giovà. L’abberghi jó ppe’ la costa tra ‘n po’ dovrà ospità’ li turisti estivi e tutta ‘ssa pòra jende sfollata non se sa donghe verrà portata”.

Giovà: “Pòra jende… dopo tutto quello che ha patito…”.

Arvà: “Agghjo letto che 1.800 tremotati deve èsse’ spostati londano da la costa… ma adesso te raccondo quello che m’è successo a lu mercatinu…”.

Giovà: “Dimme Arvà… dimme…”.

Arvà: “Statìo lì, a vénne sotto le logghje de piazza, e me te se ferma ‘na coppia a guardà’ le cartuline vecchje, co’ du’ vardasce quasci da maritu. Guardava tutti ‘lle vecchje cartuline spidite a chissà chi, e discorènno tra de loro ‘gni tando sé dicìa: guarda… guarda… Dopo ‘n bó’ la matre me chjéde: di Visso ci-ha solo queste? Je risponno nòne e je ne faccio vedé’ addrettande”.

Giovà: “Madonna Arvà…”.

Arvà: “L’occhj me se ‘ngrocia co’ quilli de ‘lla donna, ‘na vèlla signora distinda e ‘struìta, e l’occhj je li vedo lucidi, anghj se portàa l’occhjali. Cundinuàva a guardà’ ‘lle cartuline… e dopo ‘n bo’ éssa me chjéde: quanto vuole per tutte quelle di Visso?”

Giovà: Madonna sanda Arvà…”.

Arvà: “O Giovà… me sindìo lu còre a sbatte più forte… ‘che cósa me stavo a ‘mmajinà’ e je domànno: È il suo paese, signora? M’ha risposto: Sì, lo era! Questa è la casa dove sono nata… questa è la piazzetta dove giocavo da bambina… me parlava sinza guardàmme su l’occhj e con

dinuava a fissà’ lu Paese sua che adèsso non ci sta più! E ha cundinuàto: Siamo sfollati a Porto Recanati e adesso non sappiamo dove ci manderanno… siamo preoccupati”.

Giovà: “Mamma mia Arvà!”

Arvà: “O Giovà… m’èra divendati l’occhj lucidi pure a me… e ‘n bellu magó’ su lu stommicu me se stava preparènne…”.

Giovà: “E allora Arvà..?”

Arvà: “A quella jende le cartuline je le so’ regalate! Pe’ loro adè un ricordu, ‘n’emozió’, ‘na vita… spero solo che non sia ‘n’illusió’ per il futuro!”

29 maggio 2017

 

 

A 8 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2180700