• Prassi

Vuoi associarti?

Lettera a Papa Francesco

Print Friendly, PDF & Email
di Mariella Marsiglia
papa francesco

Caro Papa, scusa se mme permetto,

ma io non ce capìscio, Santità,

come ogghj la Chiesa va a braccetto

condro la nostra Fede e Carità.

‘Na orda “certe cose” era peccatu

peccatu granne granne, Patre mio,

mmo adè sembre, sembre perdonatu,

tutto scangellato comme se Dio,

aèsse cambiato modu de penzà’.

Ma su lu Livru Sandu quillu llì,

Nazzarè non ce stà a tentennà’,

e ddice: No o Sì, non dice: Nì.

‘Ssa jènde che ttu vvóli portà qua

non adè li fiji de lu stessu Dio;

lu nostru vòle vène, ce se sà,

lu loru adè ‘mmazzà, addro che pio!

Lu Prossimu adè pe’ lu cristià’,

la vita che ce canda tunno tunno:

lu vicinu de casa, quella mà

che tte stregne, te juta, ogni jorno.

Anghe Sandu ‘Gustì ha detto vène:

“Su la Carità ffa quello che vvóli,

ma statte ‘ttendu a lleà’ le pene,

prima a li tua, e all’addri se ppoli”.

12 maggio 2017

 

A 12 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.485.205