• Prassi

Vuoi associarti?

Le stréteche

Print Friendly
di ‘Ntunì de Tavarró
crampi notturni

Lesà, co’ tutti l’anni che ci-aìa,

pe’la salute ‘ncora troppo java;

magnava comme ‘n porcu, dijrìa,

le stréteche lo più che lu frecava.

Perché la notte, comme se stirava,

tu guarda casu, quanno ce vò’ coje,

‘na zampa, d’ogni po’, je se trincava

li nervi da la parte de la moje.

Essa, però, non è che se judava,

je se rjirava, menza dormejósa,

quanno che ‘llu por’òmu la svejava

e je guardava sinza faje cosa.

Benché lu ‘ntravvidìa cuscì tiratu

dicìa: ma te se passa, ch’ài paura,

e ppó senti Lesà, sarrà ‘n peccatu,

ma se te rmà’ cuscì non te sfigura!

11 maggio 2017

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2141163