• Prassi

Vuoi associarti?

Pierino all’atru munnu

Print Friendly
di Egidio Mariotti
satana

Pierino è mortu! Un gorbu all’imbruisu!

Un Sandu lì a guardallu pare scia,

tuttu combundu e co’ la vocca a risu,

immece quella è l’urdima vuscìa.

L’anima va diretta im Baradisu,

ma nell’ingressu ci sta un gran portò

e lì davanti, su ‘na sedia ‘ssisu,

c’è Pietro co’ le chiàe e lu vastò.

Appena che lu vede da distande

Pietro je dice, tuttu ‘rdiriatu:

“Do’ vai co’ quessa faccia de vrigande,

non zai che tu si statu condannatu?”

E mentre in terra se fa lu mortoriu,

co’ li parendi tutti a lagrimà’,

Pierino pròa a jì a lu Purgatoriu

‘ché li peccati ci-ha da jì a scondà’.

“Ce fusse ‘m busticinu ‘n quistu situ,

perché su ‘m Baradisu m’ha scacciatu;

ci stava Pietro tuttu ‘mmipiritu

che urlava quasci cumme un ca’ ‘rrabbiatu!”

Lu guardià risponne: “Non ze pò!

M’è statu ‘gghjà ordinatu che per te,

perché si statu sembre un gran birbò,

lu Purgatoriu non ze pole aé.”

Vussa a la porta allora dell’Inferno,

do’ ci sta scritto con virnice roscia:

Chj varca questa soglia va in eterno

drendo lu focu a fasse ‘rrustì l’ossa.

 

Je se presenda ‘r-diavulu in persona,

coll’occhj rusci e su le ma’ ‘n forcò;

l’aspettu è bruttu, quistu non perdona

e jò all’inferno manco ce lu vò’.

“E mo do’ vaco sulu a tribbulà?

Tròeme ‘n postu, umele che scia,

che cosa sarrò pure vonu a fa’,

capisci che non pozzo rghjmme via.

Se probbiu non me voli fa’ rrendrà

non pu’ fa’ ‘n’eccezione, e che te coje!

Io pozzo volendieri da’ ‘na ma’

a fa’ le ‘mmasciatelle anche a tu’ moje!”

“E chi ti ha detto che io son coniugato?”

“E’ che ‘ste cose è cumme su da noi:

se vede cuscì bbè’ che si sposatu,

co’ quissu par de corne che te rtròi! »

07/05/2017

A 9 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2122092