• Prassi

Vuoi associarti?

Un mortu de fame

Print Friendly
di Enrico Ricciardi
libretto della pensione

Agghjo sindito a mortu c’ha sonatu

la campanella de Santa Maria:

“Chj è mortu? C’ha sonatu l’agunia.”

‘Na donna m’ha rispostu: “Un pinzionatu.”

Purittu! Se sa, n’ putìa campà

co’ ‘lli tre sòrdi de pinzio’ che ci-ha.

A la vita, capisci, se je lei,

tutti li jorni, sempre quarche cosa,

la faccenna te vè’ piricolosa

e speciarmente po’ se vécchju sei;

eppù, se sa, per èsse pinzionatu,

o unu è vecchju, opure edè malatu.

Con quisti tempi che la vita è cara,

a ‘n poveracciu che n’ pò fatigà,

je voli da’ li sòrdi per magnà?

E da lo friddo cumme se repara?

A queste cose perché non ce penza

‘ssu gran ‘stitutu de la Prividenza?

Intantu ‘llu purittu ch’edè mortu

désse a la moje sua, tuttu ‘ccoratu:

“Tu ce lo sai se quantu ho fatigatu

e pe’ la casa se so’ statu accortu.

Dopo tanta fatiga, munnu infame,

mo che so’ vecchju ho da murì de fame.

Prima che lasso la tua compagnia,

famme conténtu, ‘scorda questa voce:

Vojo che fai vollà ‘n menzu la croce

che starrà ritta su la fossa mia,

per eterma mimoria a le persò,

quillu livrettu mia de la pinziò!”

4 maggio 2017

A 8 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2122094