• Prassi

Vuoi associarti?

Le Fòsse

Print Friendly
di Paolo Carassai
le fòsse o borgo san giuliano

Se guardi su da capo

c’è Porta Sagniulià

‘ppuntata su le mure

come un quatru de mattù.

Pare un busciu s’un ricintu

do’ non pòle entrà gnisciù.

Dietro c’è lu paradisu,

non se vede, ma ci sta.

Jò da piedi è ‘na vudella

‘nturcinata tra le fratte

non capisci se è finita

o te sta a pijà per culu,

se ce veni su in salita

péni e fjòtti come un mulu

e se guardi per inzù

te vène voja de stornatte.

Tutto ammezzo c’è le Fòsse,

che te ride e te vastona

che se fai un passu farzu

tutti quanti te canzona.

Se te rtròi cinguanda lire

strascicate su lo ‘sfardo

statte vònu e no’ le rcòje,

vanne drittu e guarda ardo:

c’è le lingue che discore,

lo cattìo e l’occhi vòni

dopo u’ gnornu vène fòri

che hi frecato li milioni.

Ma la jente de le Fòsse

c’ha sull’occhi ‘na magia

la rcunusci perché dentro

je scintilla l’alligria.

Pòli chièdeje li sòrdi

e te li scosce, ditto e fatto.

Pòli chiedeje lu còre,

e se lu scarpe da lu pettu.

Le Fossè è ‘ndo se mmischia

lu signore e lu pezzente

la cratura e lu vicchittu,

lu dimoniu e l’acqua sanda.

Adè tutto sotto sopre,

e non è mai come cridi

lo murì co’ lo campà,

lo da capo e lo da piedi.

2 maggio 2017

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2122099