• Prassi

Vuoi associarti?

La lecca

Print Friendly
Raccontino di Lisà de Lurinzittu
scrofa

‘Na orda che io ero picculittu, ci-aìamo ‘na lecca che facìa quasci li miraculi: non c’era ‘na orda che quanno fetava facìa mino de jeci fiji. ‘Na bbella orda llà la scola ‘Graria ce fece la ‘spusiziò’ dell’agricurdura. Mbè’ lu fattò’ je desse a vabbu: “Perché ‘n ce porti ‘ssa lecca?” Issu, zittu zittu, ce la portò per daèro. Vidi mbo’ che pijò lu primu premiu! Se trattava de un diploma e cendo lire. Lu diploma se lu pijò lu patrò’ e le cendo lire vabbu. Vidi mbo’ che dopo ‘na vindina de jorni fetò la lecca… e sai quanti ne fece? Diciòtto! Ma de pocce ne portava solo quindici cuscì quill’addri tre toccò a ‘lleàlli co’ lu pocciolu. Perchè, come nascìa, ognunu ghjava da la poccia sua, cucscì l’urdimi non ci-aìa più gnende e, defatti, toccò a ‘lleàlli a mma’. Era la meravija de la cuntradia e li purchitti gghjava via a sgraffi.

29 aprile 2017

A 9 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2106887