• Prassi

Vuoi associarti?

A lu Caffè de lu Ricciu

Print Friendly
di Gujiè lu muratò’ , 1949
lu-caffè-de-lu-ricciu-ph-cinzia-zanconi

Riga ‘npassu da capo le Casette!

a pijà ‘n caffè lassù Porta Mercatu;

però ce devi jì mmerso le sette,

ce troi lu Ricciu menzu stralunatu.

La drento ‘ndo che guardi è tutto lusso;

con quella cappottella a generale…

Io no’ je vojo di’ striscio né busso,

io no je vojo di’ mango der male.

Ello de fora ha fatto lu jardì…

per di’ ch’adè ‘n caffè de prima crasse;

tuttu quantu lu jornu sénti a ddi’

che no’ nse riga per pagà’ le tasse.

Appena bbocchi drento tròi de bottu

la cassa per pijà le venti lire,

e su lu vangu ‘n-omu traccagnottu

che tte fa spiscià’ sotto de lo ride.

Quill’omu che ve dico adè “lu Ricciu”

o Sesto Venedetti, ch’è più bbella…

che ci-à tant’arte, con tantu capricciu,

de manegghjà perbè ‘lla manovella.

Allì ce vazzica li commerciandi,

e li forestieri de ‘gni qualità,

anghe li ‘mpiegati ce n’è tandi

e l’operaji che va a ffadigà’.

Quanno vede la folla, allora sbuffa

comme che tande orde fa lu trenu,

allora llì vene ‘na cosa buffa,

issu, a la lengua no’ je dà più frenu.

Dice: “Per chj ci-à fuga c’è ‘na cosa:

se de ‘spettamme tembu non ce l’éte.

Se ccéte prescia… ci sta la gazzosa!

ch’allora tantu tembu non perdete”.

Un gnornu se presenta ‘n forestieru:

“Quanno costa qui ‘n’apiritivu?”

De bottu rispunnì con visu fieru:
“Adesso te farò lu privintivu!”

Questo po’ succidì a ‘na contadina,

ch’adera stata a la messa-bbonora:

“Me fai de caffè ‘na tazza pjna?”

“Adesso pijerò la ‘mbuzzatora!”

Forza Sesto! ch’è tardi, ci-ò da fa’.

“E nò -risponne- de porte ce n’è tre,

ne piji una e sai comm’hai da fa’!

sennò c’è mecchiè d’acqua, e perchè!”

“Questo lo fai co-nnù che simo voni…

piuttosto ‘ssi caffè fa più a la sverda.”

“Quasci me l’hi ‘llattati li…

si mattu, dì! …commerciandi de me…!

‘Na orda lu caffè chj lu pijava?

Quarghe signore che putìa sbarcà’;

l’addri le ravanelle se magnava,

invece adesso, lu pija anghe li cà’!”

Issu è de rado quanno che sta sulu,

‘ché de crienti ce n’ha sempre tandi…

quanno te dice: Valla appijà…

te fa scannà de ride a tutti quandi.

Però “lu Ricciu” ci-à questo de vono

che sse conosce ormai adè d’un pezzu.

De tutti li caffè lu sua è più bbono,

quello che dice adè tutto per scherzu.

Su ‘gni paese unu ci-à da sta’.

Quello che t’agghjo ditto non t’offenne,

se da nuandri c’è lu Ricciu… lassa sta!

18 aprile 2017

A 8 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2151376