• Prassi

Vuoi associarti?

Frasi in casa tra moglie e marito

Print Friendly
di Alvaro Norscini
p-17--giovani-e-wi-fi

Personaggi: Giovà (moglie) – Arvà (marito)

Uài-fài e uccupazió’

Do’ sì statu fino adèsso Arvà? Adè quasci menz’ora!

“So’ ghjtu a fa’ du’ passi Giovà… lu médecu dell’òsse m’ha ditto che devo caminà’! So’ ghjtu pure su piazza, do’ lu uài-fài è gratisse pe’ tutti”.

Che adè gratisse Arvà?

“Lu uài-fài, Giovà…”.

E ch’adè Arvà?

“De priciso no’ lo saccio Giovà… anzi, ‘sta sera, quanno rvène li fiji ce lo facimo spiegà’ da issi. Però penzo che sia ‘na cosa che ce se naviga su la rete de indernette, e su piazza sarìa a gratisse. Fattu sta, Giovà, che tra piazza Mazzini, la piagghja de la Tóre e la piazza de la Livertà è sembre pjno de ‘issi vardasci stranieri che smanegghja co’ li cellulari. E ppó’ che cellulari Giovà! Addro che lu mia…”.

Ma ‘ssi vardasci, a la matina, non fadiga Arvà?

“Che te saccio Giovà… lo vrutto è che se véde anghj lu pemeriggiu e anghj la sera… Adesso che staco in pinzió’ me fa vrutto a vedé’ tutti ‘ssi vardasci a spasso a ‘nfrechettà’ co’ lu cellulare. Ma anghj li vardasci nostri se ne vede tandi a spasso e a me me piagne lu còre… furtuna che lu ministru ha ditto che è diminuita la disoccupazió’… un gorbu!”

A me invece me pare probbio ch’adè aumendata, Arvà!

“Tand’anni fa, a la matina, per Macerata chi vidìi Giovà? Vidìi le casalinghe che ghjava a fa’ spesa, li scupì’, le guardie, l’operaji de lu Cumune, ‘n bo’ de pinzionati che discurìa e addri pinzionati che ruppìa le scattole a l’operaji dell’acquedottu. Pe’ il resto, ‘na òrda che è sónate le campanelle de le scòle de vardasci, in gniru, non se ne vidìa mango unu… leàti quiilli che salava! Adesso immece quissi stranieri va a branghi e se chidùna lu vidi da sulu è perché va chjedènno li sòrdi a tutti, specie a la jende che scappa da li caffè, da li supermercati e da le chjese. E ppo’ ce vène a raccondà’ che adè diminuita la disoccupaziò’!”

Immece lo vóli sapé’ Arvà? Adè aumendata la miseria!

“E certo Giova! Li vardasci nostri, anghj se è disoccupati, camba lostesso e magna uguale perché le radici e la famija ce l’ha qui. Immece li stranieri se riduce a chjede la carità pe’ strada. Però ci-ha lu uài-fài gratisse…”.

Cuscì non se ne pòle più Arvà!

“Che te devo dì’ Giovà…”.

A meno che li governandi nostri cunzidera laóru sta’ le menze jornate su ppe’ la piagghja de la Tore a navigà’!

23 marzo 2017

 

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2148471