• Prassi

Vuoi associarti?

Da lu ferraccià’

Print Friendly
di Peppe de lu Ciocciu
sfasciacarrozze

“Mannaggia quante cóse c’è da dì’,

quanti ricordi c’è ‘mmucchiati qui!

Facéteme largo, facéteme passà’

perché ‘mmezzo a vuatri non ce vojo sta’.

Vuatri non sapete chi so’ io:

lu presidente lu portào io!

Quanno passào io la jente se scanzàa

e tanti carbignéri me scortàa;

ero la più forte, ero vlindata,

sulo a li granni capi distinata.

Adesso stimo qui lu ferraccià’,

simo solo ferro da riciclà’.

Ma chi è ‘sta cucciola ‘ccanto a me?

Sta sempre zitta e non se sa perché”.

 

“Io so’ la Cinquecento, bella mia:

sapissi la mia storia, è ‘na poesia!

Con me la jente se ‘mparò a guidà’

mezzo de l’ara e tunno li pajà’.

Quanno me rportò a casa lu patró’

se fermò vicino a lu varcó’;

e tutti me ‘ccarezzava e me vasciava,

co’ me li sogni loro cominciava.

Lu patró’ me rmittìa jó la cantina,

per me cacciò’ ‘na votte quasci pìna.

Tutte le sere me vinìa a vedé’,

e intanto se scolava du’ vecchié’.

Me portava spisso su lu paese,

le marce le cambiava a più riprese.

E pe’ la strada chi te va a ‘ncuntrà’?

Sempre lu vicinatu e lu compà’!

E se fermava e li facìa montà’.

Allora tutti quanti se strignìa,

su le jenocchie li frichi mittìa.

Un bellu jornu non gne l’ò fatta più:

all’imbruisu s’è bloccati li pistù’.

Ma guarda chi ce sta! Lu trattore!

‘Na ‘òta me sci fatto ‘n bellu faóre;

su de ‘na curva m’èro sbisciata,

èro finita jó pe’ ‘na scarpata;

tu co’ lu cavu su mi si rtirata.

Tu ci-hai ‘na forza che nisciù’ ce l’ha.

E come mai ammó te tròi qua?”

 

“Pe’ poté’ comprà’ a me lu patró’

se vinnì’ le vacche co’ li vò’.

28 febbraio 2017

 

 

 

 

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2120731