• Prassi

Vuoi associarti?

Preghiera de ‘n contadì a Sant’Andoniu

Print Friendly, PDF & Email
di Egidio Mariotti
Sant-Antonio-Abate

O Sant’Andoniu caru e binidittu,

‘llonga lu sguardu sotto a quistu tittu,

non tandu per protegge’ le perso’,

perché per questo lu nostru Signore,

ci-ha mistu ‘n atru sandu protettore,

ma tu duvristi jì ‘m moccò più jò,

jò pe’ le stalle do’ sta’ l’animali,

per tenelli londano da li mali.

 

Dacce ‘nu sguardu a quilli vitillitti

e benedici pure li purchitti,

che quanno magna sembre fa casciara

e me spaènda pure la somara;

li cuniji, le pecore, le vacche

e l’oche, che camina sembre stracche;

sàrvece jornu e notte le galline

dall’assardu de gorbe e de faine

e, se voi arzà l’occhj ‘m bo’ più su,

lì drendo c’è ‘n parittu de picciù.

 

Ce sta ‘lla monganella che me fija

e ne fa quasci sembre ‘na parija,

co’ li dolori no’ la fa’ ‘nfilice

perché manco ci sta la levatrice,

per carità ‘n je fa ji via lo latte

‘ché agghjo da rrimbjì quattro pignatte

per condendacce tuttu lu paese

e rrefrangamme ‘n pocu da le spese.

 

E c’è lla vacca vecchja che adè ciòppa

e j’è vinutu ‘n bozzu su la groppa,

fa’ per essa lo mejo che se pò

perché se me sse more che ce fò?

Che manco la vorrà lu macellà:

la carne è troppo dura, a chj la dà?

 

E in urdimu te prego, Sandu caru,

che tocca a me perché so’ lu vergaru,

vistu che tu poi conzolà tutti,

tocca ‘m bu lu core a ‘sti margutti

che pozza pènne versu casa mia

‘ché ci-agghjo ‘na sorella da da’ via

e mo cumincia a èsse’ pure rmasta

e a sta sinza maritu me sse guasta;

faje troà ‘n cingittu de maritu

che a vedella cuscì me so’ stranitu.

 

Inzomma, Sant’Andò, vidi ‘m bu tu

su quello che poi fa’ pure per nu’;

me rreccommanno, sorema e animali,

vidi ‘m bu de trattalli tutti uguali!

 18 febbraio 2017

A 12 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.511.737