• Prassi

Vuoi associarti?

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

Print Friendly, PDF & Email
di Claudio Principi
dicerie popolari

Lu capezzà’

In una corsia dell’ospedale entra una infermiera che si rivolge a un vecchio degente: “Hai già fatto il torace?” Risponde perplesso il paziente: “Ir torace? Ir torace no’ me pare, ma li razzi scì, li razzi l’agghjo fatti”. L’infermiera sorride per l’uscita in dialetto per cui il vecchietto fa una richiesta: “Per piacere, portàteme ‘n-addru capezzà!” I raggi, dei quali aveva sentito dire, per lui erano diventati razzi ma il cuscino, di cui nessuno gli aveva parlato, per lui era rimasto… lu capezzà’.

 

Le pundure andivelenose (endovenose)

Un vecchio è stato dimesso dall’ospedale e si gode l’aria buona seduto su una panchina dei giardini pubblici: sta a la sperèlla (sta al sole). A un amico che gli è seduto accanto il vecchio racconta le sue vicende ospedaliere ma lo fa a modo suo… “Tu ppènza: ‘na ‘òta, in u’ gnórnu, me fece la vellezza de quattro pundure andivelenose e la matina dopo me muìo tuttu a burattì’, scattavo comme ‘na mmòlla rótta, guardavo a ttraèsso e se gghjavo a parlà’ sapìo sulo ciarfajà’!” Commentò molto impressionato l’amico: “Furtuna che ‘lle pundure era andivelenose..! E se era ‘na mujica velenose… che tte succidìa?!

 

Sanità di corpo

Diceva tempo fa un infermiere del nostro ospedale in un incontro tra amici: “Li médici co’ le paròle  te ‘mbriaca: le càmmia a spisso e ppo’ per dì’ sembre l’istéssa cosa”. Vista l’espressione interrogativa dei presenti l’infermiere spiegò: “Dico: prima se dicìa “lavativu” e tutti sapìa de che se trattava. Dopo se ‘ngomenzò a ddì’ “cristère” o “sirviziàle” e era la stessa ‘mmasciata. Ammó dréndo lu ‘spedà’ non ze parla atro che dde ‘ndirocrisma, e la masciata è rmasta quella!” A questo punto lo interruppe uno dei presenti: “Che je daca lu nome che jje pare: rmà’ lu fattu che, ‘gnitando, a dàje ‘na strombonata, a lu culu, le vudèlle te se mandène lìsce e cachi vène cend’anni!

 

La canterina

In ogni momento della giornata, qualunque cosa facesse, una donna usava cantare. Un conoscente le chiese un giorno: “Tutta ‘ssa voja de cantà’, comme se spiega?” Rispose:  “No’ lo sai che li célli se ‘ttira co’ lu candu?”

18 febbraio 2017

A 13 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.494.653