• Prassi

Vuoi associarti?

Lu reloggiu

Print Friendly
di ‘Ntunì de Tavarrò
orologio-da-polso-bondix-anni-60


Quanno un oggettu tùu te se va a male

lu cerchi sempre, ‘rpenzi do’ sci statu,

non sulo perché era un capitale

ma perché ormà te c’eri ‘ffizzionatu.

 

A mé me fece vrutto quanno seppe,

seccome ce lo saccio che despiace,

de lu reloggiu che se pirdì Peppe

co lo sta a fatigà là la fornace.

 

Se lu rguardava con disinvurdura

‘gni tando, benché non ce capìa cosa,

perché su ‘n bracciu je facìa figura

eppò era una regalu de la sposa.

 

Dopo, po’omu, rmanì sinza fiatu

ce se pijò ‘na pena sull’istante

e ‘nvece de cercà d’era cascatu

java a guardà più su, tanto distante.

 

Rpenzava sempre per quillu congegnu

su pe’ le strade, caminenno piano,

e lu cercava su lu Tirassegnu

che sta menzu chilometru lontano.

 

La jente je dicìa: “Che te s’è perso?”

“Era un reloggiu  che ne costò tanti.”

“Bè, te s’è persu jò e lu cerchi esso?”

“E scì, me java sempre moccò avanti!”

18 febbraio 2017

A 8 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2040479