• Prassi

Vuoi associarti?

Delusió’

Print Friendly
di Goffredo Giachini
delusiò


Guarda che a rajonà’ ‘n-certi momenti

te ce vò’ coratella e nervi tosti,

gghjà ‘ppena arzatu devi de sta’ attenti

che te póli bbruscià ndo’ che te ‘ccosti.

 

Lo munno adè ‘na menza polveriera

capace de schiattà’ sott’a le mà’,

è sempre inverno e un fiore a primavera

pare che ci-ha paura anche a spuntà’.

 

Rapine, ‘mmazzamenti, guère, morti,

porca puzzona, ma che vita è?

Li jorni scóre via sempre più corti,

e non ci-hai tempu de chiedete perché.

 

A me me rmane un dubbiu, ‘na dimanna

che da la testa non pòzzo scancellà’,

ma quissi che adè Capi, che commanna,

ma lu mestiere sua lu saprà fa’?

 

Cuscì la notte, quanno sto corgatu,

e lascio sciorda un moccó de fandascìa,

me rvéco vardascittu sconzolatu…

lu palluncì’ me s’è volatu via!

 

14 febbraio 2017

 

 

 

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2040479