• Prassi

Vuoi associarti?

Lu cà’ de lusso

Print Friendly
di ‘Ntunì de Tavarrò
lu-cà-de-lusso


Era, fra tanti cà’ lu più pilusu,

de la grossezza poco più d’un gattu,

no’ gne se cunuscìa manco lu musu

né de chi era, né comm’era fattu.

 

Ma sempre che signore lu tinìa,

java per piazza tuttu pettenatu

e co’ che abbilità te rcunuscìa,

parìa che fosse statu ‘mmaestratu.

 

Pure li cà’ ce tròa la diferenza:

vidìo che tutti quanti lu chiamava,

però a li grossi dava confidenza,

a li puritti no’ li carcolava.

 

Passò vicino a Rigo, non guardava

‘ché stava a ragionà’ con un collega,

azò la zampa fin che lu ‘nnasava

e jé sbruffò le càze jó la piega.

 

Allora ‘llu pòr’omu, zittu zittu,

‘ttarbò da ‘na saccoccia de cappottu

per poté’ llosengà’ lu cacciulittu;

cercava a daje ‘n pezzu de viscottu.

 

Quill’atru amicu, che s’era sarvatu,

se lu guardava menzu sbalurditu

vedènno che jé lu sarrìa ‘mmoccatu,

ma tra lo pelo non vidìa lu situ.

 

Penzava: no’ je mena? No’ lu tocca?

Ma Rigo invece, rognecava sulu:

tu fammeje stroà’ do’ sta la vocca,

ppo’ senterà che caciu là lu culu!

 

11 febbraio 2017

A 6 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2040479