• Prassi

Vuoi associarti?

Lo letto

Print Friendly
di Giovanni Pastocchi
letto-di-ferro


Gustì de Frecandò lagghjò la piana

du’ éttiri ci-avìa de terra vòna

e s’era fidanzato co’ Rusina

che pure essa ‘dèra contadina.

 

Gustì edèra murdovè’ rivusto,

pesava ‘n bel quindale justo justo;

però ‘ngora Rusì non cojonava,

comme che se smuìa.. ‘gnico’ tremava.

 

La doméneca, tutta prufumata,

Rusina jò lo spuso era ‘nvitàta.

La vergara sapìa comme magnava…

non ze sa quanda robba cucinava:

 

de svingisgràssi ne facìa du’ téje,

pér paura che non putìa vastàje ;

l’arrosto, senza èsse’ ‘sagerati,

sfamava u’ riggiméndo de sordati.

 

Dopo ch’ìa véto e dopo ch’ìa magnato,

co’ lo stòmmeco vèllo satollato,

li spusi, pe’ sgagnàsse ‘che vascétto,

se ritirava in cammera da letto.

 

Isso non pirdìa tèmbo… la toccava

e Rusina ‘gni tando suspirava;

‘na òrda, a lo cormo dell’affètto,

de bbòtto… jé se sprefonnò lo letto.

 

Gustì, por’òmo, ce rmanétte male

per quillo capitombolo finale;

lo letto jé ce lo vulìa più duro…

 de ferro lo combrò… pe’ sta’ sicuro!

09 febbraio 2017

A 10 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2040479