• Prassi

Vuoi associarti?

Marabotto da Macerata

Print Friendly
Quando i maceratesi erano furbi e incutevano paura, una novella di Franco Sacchetti del 1300
guidoriccio-da-fogliano-XIII-XIV-sec

Al tempo che la Chiesa di Roma perdeo la Marca d’Ancona, fu un uomo che si chiamava Marabotto da Macerata ed era grandissimo di persona; ed essendo guerra nella detta Marca, uno Todesco, che Sciversmars avea nome, era al soldo della Chiesa, e la stanza sua era a Monte Fano. Facendo gran guerra il detto Todesco a Macerata, lo detto Marabotto andò alli Priori di Macerata, e domandò licenza, che volea mandare una lettera allo detto Sciversmars, a richiederlo di battaglia, e per li Priori gli fu conceduta. Lo detto Marabotto scrisse la lettera in questa forma: “A voi, nobile uomo Sciversmars della Magna, Marabotto della Valle d’Ebron vi saluta. Ho udito dire della vostra nobiltà, e che voi siete un bon uomo d’arme, e che a queste contrade avete fatto grandissima guerra contr’a villani; e io sono venuto dalla mie contrade con settecento cavalli per trovare di buoni uomini d’arme, e provare la mia persona con loro, e non con li villani. E perciò vi prego che vi vogliate provar con meco su nel campo, solo, ed elegger il campo dove vi piace, che mi pare mill’anni che io vi sia; e se non volessi combattere solo con meco a corpo a corpo, pigliate de’ vostri quel numero che vi piace di venire,  e  io  verrò  con  altrettanti;  e  ancora vi farò vantaggio, che la mia brigata serà meno dieci che la vostra per ogni cento combattitori. E questo vi priego quanto posso che facciate, e non vogliate provar la vostra gentilezza co’ villani ma con buoni uomeni d’arme. E di questo vi piaccia subito per vostra lettera farmi risposta, ecc., e da mo innanzi per questo terreno non venire, perciò io vi tratteria come inimico mortale”.

battaglia-tra-ginesini-e-fermani

battaglia-tra-ginesini-e-fermani

Avendo Sciversmars la detta lettera, e udendo il nome meraviglioso di chi la mandava, e ch’egli era della Valle d’Ebron, tutto invilì, immaginando costui non dover esser altro che gran fatto; e mai non iscrisse, né fece risposta. E per questa così fatta lettera impaurito, più mesi stette che non fece guerra, ne cavalcò sul terreno di Macerata, solo per paura di detto Marabotto. Questa di Marabotto fu sottile inventiva, che con un poco d’inchiostro cacciò il nemico dalla sua terra, e valse quella lettera assai più a Macerata che non sarebbono valuti trecento uomeni a cavallo.  

08 agosto 2016

 

 

 

A 10 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2125466