• Prassi

Vuoi associarti?

La chjacchjerata di Peppe & Gustì

Print Friendly
di Guano di Piazza
p 1 fermo plastico nuovo ospedale

Peppe: “Io ‘ste cose porbio no’ le capìscio!”

Gustì: “Embè… è normale… tandu sverdu non si statu mai…”.

Peppe: “No’ scherzà’ per piacere che quello che staco per ditte adè ‘na cosa seria…”.

Gustì: “Ah, se adè ‘na cosa seria… dimme, dimme pure…”.

Peppe: “Penzo che in Regione s’è rincojoniti! Se ci sta ‘na cosa imbortande da finì’… la finisci! No’ che ne fai un’atra simile a pochi chilometri de distanza…”

Gustì: “E cioè?”

Peppe: “Io dico che non se po’ lascià’ le cose a metà!”

Gustì: “E cioè?”

Peppe: “Pija lu ‘spedale de Macerata…”.

Gustì: “Io no’ lu pijo probbio! Più staco londano da lu ‘spedale e mejo staco!”

Peppe: “E no’ scherzà’ sembre!”

Gustì: “Va vè’, staco seriu…”.

Peppe: “Allora…. lu ‘spedale de Macerata adè tand’anni che lu deve finì’. Lu Prondu Soccorsu adè un casì’ e l’urdimu pianu non se sa che fine farrà… però ha diliberato, e ha fatto pure la presentazio’ de lu progettu, de costruì’ ‘n’ospedale nóu a Fermo! Che ghjà ce n’ha uno funzionale anghj se picculittu”.

Gustì: “Ma che mme dici!?”

Peppe: “E che te dico..? Lu vidi lu rsumiju su sopre?”

Gustì: “Scì”.

Peppe: “Adè lu ‘spedale nóu de Fermo!”

Gustì: “E noatri?”

Peppe: “Come sembre: ce ‘ttacchimo ar… e tirìmo forte!”

 

 

A 7 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2088440