• Prassi

Vuoi associarti?

La chjacchjerata di Peppe & Gustì

Print Friendly
di Guano di Piazza
p 1 peppe e gusti

Peppe: “Adesso ce mangava pure quissu de penzieru…”.

Gustì: “Che penzieru ci-hai adesso?”

Peppe: “E lu Bailinne!”

Gustì: “Lu Bailinne? e che adè?”

Peppe: “Ma comme no’ lo sai? Se la Vanga do’ téni li sòrdi sta per fallì’… se pija li sòrdi tua pe’ rméttese in pari e cuscì se sarva!”

Gustì: “Me cojoni! Embè tu che problema ci-hai?”

Peppe: “Ma come che problema ci-ho?”

Gustì: “Tu stai mistu comme me!”

Peppe: “Cioè?”

Gustì: “Io non ci-hagghjo un sòrdu pé’ fa’ candà’ un cécu! e mango tu, me pare… quindi su la Vanga che ce tinìmo? Li vuffi?”.

Peppe: “Oh, non ci-avìo penzato… allora simo sarvi da  lu Bailinne!”

Gustì: “Da quissu scì, ma non simo sarvi da lu Parkesì!”

Peppe: “Cioè?”

Gustì: “Immece de fa’ spènne tutti ‘ssi mijoni a lu Cumune, quilli che lu gistisce duvrìa chjede de cammià’ la distinaziò’ d’usu…”

Peppe: “Cioè?”

Gustì: “Sotto parcheggiu, come gghjà adè, e sopre tutte vuttiche, bar, candine, uffici… vederài che allora tra tichètte e affitti va in paro e non se lu dà più via!”

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2122114