• Prassi

Vuoi associarti?

La chjacchjerata di Peppe & Gustì

Print Friendly

di Guano di Piazza

 pag 1 Stadio-Helvia-Recina

Peppe: “O Gustì, pare che a Macerata, dopo tand’anni, se sia dicisi a rmettece li carcerati!”

Gustì: “Ma che dici!? Ma no’ lo sai che le carcere de Sanda Chiara adè tandu tembu che non ci sta più? E che a postu sua ci sta l’Università?”

Peppe: “Certo che lo saccio! Defatti in via Caribardi cundinua a stacce l’Università e pure la biblioteca…”.

Gustì: “Allora spiégheme tu ‘sti carcerati do’ li mittirìa…”.

Peppe: “Certo che tu non te ‘ccurghj de gnende…”.

Gustì: “E de che me sarrìo duvutu ‘ccorghje sicunno te?”

Peppe: “Non sì spurtivu… a te te ‘nderessa solo a sta davandi a lu tilivisore a vedé’ lo stupeto…”.

Gustì: “Non so’ spurtivu? Ma se vaco tutte le domenneche, se non piòe, a ghjocà’ a ruzzola!”

Peppe: “Ecco…a ruzzola…”.

Gustì: “Che non va vè’?”

Peppe: “A ruzzola… ma tu de lu palló sai gnende?”

Gustì: “Saccio che adè rutunnu e che’ttorno a ‘ssa rotondità ce ghjra ‘n zaccu da sòrdi!”

Peppe: “Allora tu de la Maceratese che è salita de gradu e che vigne tutte le partite… non sai cosa?”

Gustì: “Certo che lo saccio!”

Peppe: “E a lu campu spurtivu a vedélla tu ce vai?”

Gustì: “Eh… se vaco a ghjocà a ruzzola… comme faccio a ghj jó lu cambu spurtivu?”

Peppe: “Ahhh… ecco perché non te si ‘ccortu de le recinzió’…”.

Gustì: “De che recinzió’parli?”

Peppe: “De quelle che, ‘na domenneca scì e una no, ce rchjude drendo li carcerati che vène da fòri!”

 

A 7 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2122117