• Prassi

Vuoi associarti?

L’azzurro e il rosso

Print Friendly

di Adriano Accorsi

l'azzurro e il rosso

 Cosce bianche,

vino rosso

e puzzo di sudore.

 Vènti che abbattono

querce.

 

Vicoli ciechi senza nessuna luce,

senza nessuna stella.

 Cavallo bianco di miele e di fango,

criniere argentee.

 Assassinano fiori

gli zoccoli.

 Musiche dolci,

violentate.

 

Oh le tue mani bianche!

Soltanto le tue mani sono bianche,

immacolate ancora dalla pioggia

di sangue caduta sul tuo corpo.

 

Ma tenerezze mi legano ormai,

e svellono il coltello dalla lama d’avorio

che affondasti nel mio cuore, amore,

amore azzurro diventato rosso.

 

Non nascerà più il sole domani,

domani e per sempre non nascerà più il sole

su di noi: nubi di tenerezze

lo nascondono.

 

No. Non voglio amarti più,

pace ai miei sensi. E non insinuarti,

perfida, nelle aeree valli notturne

del mio cervello.

 

Scaccerò il parassita che hai deposto

nel mio corpo. Ci sono sguardi di acque

chiare, ci sono corpi candidi

a attendermi.

 

Con altri occhi ti vedo oramai,

ti vedo immersa in un mare di croci

e fango vomita la tua bocca. No.

Non voglio amarti più.

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2095152