• Prassi

Vuoi associarti?

I proverbi sul tempo

Print Friendly, PDF & Email

raccolti da Cesare Angeletti

 

“Se lu Còneru métte lu cappéllu, marchigià’ pija l’ombrellu!” (le nuvole sopra Ancona vogliono dire pioggia sicura);

 

“Cànda le ranòcchje a li pandàni se non piòe ogghj piòe domani!”

 

“Se lu gallu de sera se mette a candà’ a la matina travocca lu pandà’!”

 

“Quanno no’ sta’ vòne le picurine le piogghje adè vicine!” (Quando gli agnelli sono nervosi domani piove);

 

“Se lu cuccu canda de vòra (nord) lu tembu se rfà e se ‘ccalora. Se lu cuccu canda de solagna (sud) lu tembu fa porbio magagna!” (Il gufo – che di solito faceva il nido sulla torre di piazza – a secondo da quale parte si metteva a tirare il verso faceva intuire come sarebbe stato il tempo);

 

“Se levande (vento) se mòe tre sei o nove. Se non se remétte nove, diciotto o vindisette!”

 

“Scirocco ogghj tiro domà’ scrocco!”

 

“Se jennà’ non jennaregghja, febbrà’ la fa vrutta, jelata e gregghja!” (Questo sembra fatto apposta per quest’anno: se a gennaio fa buon tempo – che è quello che non dovrebbe fare – febbraio sarà tremendo da sopportare);

 

“San Flavià (21 febbraio) la née anghj a li pià’!”

 

Insomma i nostri vecchi non avevano le previsioni meteorologiche però, vivendo nella natura e sapendola comprendere, erano capaci di farsi le previsioni da soli e siccome le facevano guardando con attenzione i segnali della propria zona… ce ‘cchjappava de più issi che quilli dell’aronautica, che co’ lu satellite guarda cuscì a largo che, ecco da nuà, non ce ‘cchjappa quasci mai!

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • 2.503.335