• Prassi

Vuoi associarti?

Cippe, Ciòppe equi e solidali

Print Friendly

A cura di Filippo Davoli e

Fernando Pallocchini

cioppecippe

 

Ciòppe – Stamatina me n’è successa ‘n’atra…

Cippe – Dimme, dimme…

Ciòppe – Adè vinutu mi cuginu, Trippe, quillu che abbita su a Macerata.

Cippe – Ah, lu maritu de Trappe… ok, e allora?

Ciòppe – M’ha cargato su la nuce de coccu a rotelle e m’ha voluto portà’ a tutti li costi a visità’ lu mercatinu equo e solidale su piazza… Senonché, siccome ‘stu periodu (sarà lo friddo…) camino male, me so’ portatu la nucella a rotelle, quella che ce vaco in giro pe’ la cambagna. Tando, agghjo penzato, adè tando equi, tando solidali… te pare che non me fa bboccà?

Cippe – Perché, non t’ha fatto bboccà’?

Ciòppe – Comme no! Certi surisi, da llà dentro… però non ce so’ potutu bboccà’ lo stesso! Ce sta su lu davandi un gradinu ardu ardu, ccuscì ardu che l’equità s’adè jita a ffà’ dà’ ‘nder culu! Se camini co’ le gamme tue, adè tutti solidali. Ma se vai a rotelle, poli jì pure a rotoli che tando non te se caca gnisciù..!

Cippe – Se ce penzi vene, quissi se chiama “commercio equo e solidale”! Tu che sì un commerciu?!

Ciòppe – Oh, e mica ci-avìo penzato! Che ppò’ me chiedo ‘na cosa: ma comm’adè che ‘ssa robba equa e solidale costa un saccu de più de quella de noatri?

Cippe – Dipenderà da le strade privilegiate che je tocca fa’ per ‘rrià’ su li posti ndo commercia!

Ciòppe – Ma perché non ce ficca pure ‘na vangarella de Marì de Ciangastorta? Te li ricordi li lupì, lo seme e le nucelle? Io ce javo mattu… eppò costava ‘na cazzata… addè ‘ccostétece un po’, su ‘ssa robba…

Cippe – Ecco, hi detto justo. Costa ‘na cazzata e ce guadambia solo Marì de Ciangastorta… Invece quiss’atri adè più organizzati, dà da magnà a un saccu de persone, tutta robba genuina, equa e solidale.

Ciòppe – Tutta robba vona adè viro, perché l’atri anni l’avìo combrata e adè bbona per daéro. Ma ‘sta ‘ota non so’ pututu bboccà’… e ce la simo pijata in saccoccia in due: io che non so’ bboccàtu e loro che non ha ‘ncassato. Che ppò’ unu m’ha voluto dì’ che je s’ha frecato la pedana… Perché dice che ce l’avìa!

Cippe – Sarà statu unu che je sirvìa jò ccasa…

Ciòppe –Ma pò sta’ che la Cumune, che adè ccuscì tando equa e solidale, non ce n’avìa ‘n’atra da méttece?

Cippe – E che lu mindùi a fa’ lu Cumune che non ci-ha mango un zuzzu de microfinu! Comunque, quissi equi e solidali co’ le feste fa sembre un sardu in ardo de qualità.

Ciòppe – Perché, che voli dì?

Cippe – Ci-ha lu negoziu in fondo a le Scalette e ‘rrìa su ppiazza… Sotto stu periodu se lèvita… solo che penzo che se tutti quill’addri negoziandi volèsse fa’ l’istesso, gghjusto per esse’ equi e solidali co’ tutti, do li ficcherìa? Su piazza ce duvrìa fa’ li multipiani…

Ciòppe – Stai a ppostu! No’ je la fa’ a fa’ un parcheggiu a rasu sotto rampa Zara… te pole fa li murdipiani?

Cippe – Eh, come cambia lu munnu… Se penzo che in tembi antichi li maceratesi ha fatto du piani sotto terra sotto tutta la città, ch’adè piena de gallerie… addè non adè manco capaci de lavorà’ rasotera… la vuscetta pe’ la piscina no’ la sa’ fa’, la galleria je ce piòe, je s’è sfonnatu lu cambu de vesbolle, lungo viale Puccinotti ce fa roppe le zambe a tutti, la pista ciclabile no’ ne parlìmo…

Ciòppe – Abbè, qui però sei un ingrato caro Cippe! Me dispiace, ma ‘sta ‘ota hi pisciato de fori: adè tando solerti che su via Gramsci ci-ha misto le mà’ du’ ‘ote in poco più de ‘n’annu!

Cippe – Per forza, la prima ‘ota non l’avìa fatta vè’…

Ciòppe – Non adè viro! L’avìa fatta benissimo! Adè dopo ‘na sittimana che je s’è rguastata. Cuscì ci-ha potuto rmette le mà’… Dimme un po’ piuttosto: che ce sta a costruì davandi a lu Trivunale?

Cippe – La Confartigianato, ha ditto. Siccome de spazi vuoti ce ne statìa troppi, ha penzato vène de faccéne ‘n’atru…

Ciòppe – A me unu m’ha voluto dì’ che ce fa’ ‘n’atru centru direzionale… Chissà, forze l’ha pensatu pe’ potecce fa’ l’unica rotatoria che servirìa per daéro, subbito dopo… ce farrà pure ‘n’atru supermercatu..?

Cippe – Scìne, e ppò’ je regala li fucili, cuscì se spara co’ la concorrenza che sta costruènno de sopre… Quilli je risponne mettènne su le vatterie lanciamissili e ccuscì’ ngumingia la guera commerciale e se tira li panettò’ a cinquanda centesimi l’unu…

Ciòppe – Ebbè, allora vidi… chjacchjrimo tando che la città adè morta… invece adè tuttu un fluire di commerci equi e solidali…

Cippe – Edilizi e commerciali… assai poco popolari!

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2145399