• Prassi

Vuoi associarti?

Cippe, Ciòppe happy holidays

Print Friendly

A cura di Filippo Davoli

e Fernando Pallocchini

cioppe

 

Ciòppe – Beh, lo putìii dì’ che ghjavi a Londra, ce vinìo pure io!

Cippe – Veramende non ce so’ ghjtu io, me ce-ha mannato… e non me ne so’ mango ‘ccortu de stacce, finghé non m’ha ‘ngumingiato a telefonà’ ll’amici. Infatti, appena me so’ ‘ccortu che stavo a Londra, con tutta quell’umidità m’ha pijato ‘na tosce…

Ciòppe – Cuscì te ‘mbara a ghjcce senza dimme gnende! E ppo’ non solo: ce si ghjtu, te si spiso tutto e quanno non ci-avìi più li quatrì’ m’hi scritto se te ne putìo mannà’ ‘n’a-ri puchitti. Ma guarda che si sfacciatu un bellu po’…

Cippe – Armeno se avìo spiso e cumbrato ‘che ccosa, ce avrìo aùto la suddisfaziò’! Immece, siccome so’ ‘bbituatu a jì solo co’ du’ nuce in saccoccia, me so’ ttroàtu ello sinza sordi, con tande cose velle da combrà’ ma senza poté spenne! Non ci-aìo un sordu per fa’ candà’ un ciecu e mango per mannà’ un sms: fortuna che ci-ha penzato quilli… sandi che ci-aìmo su lu Paradisu informaticu…

Ciòppe – Pegghjo per te, coccu mia… qui, quanno tu non ce stavi, imo fatto lu cinema!

Cippe – Non agghjo sindito cosa: ch’adera, un firme mutu?

Ciòppe – None, adera un western! Anzi, adè, perché lu firme condinua…

Cippe – Eh, agghjo sindito che ello tunno Macerata ce sta un saccu de sparatorie, me sa che rvaco a Londra…

Ciòppe – Ma qui te diverti de più, perché lassù what’s america parla tutti sgnerecu, invece ecco parla tutti in dialettu! Eppò, su certe scene quarghe amicu, a lu postu de li proiettili ci-avìa ficcato le nuce… Non te dico se che magnata!

Cippe – L’importande adè che non parla pulitichese, perché adè ‘na lengua che te fa sindì’ solo ‘n zaccu de fregnacce: le dice sembre e non le fa mai!

Ciòppe – In effetti me so stupitu: in genere li registi va cerchenne ll’attori vrài, no? Oh, aèsse chiamato un puliticu! Forze ci-avia paura che je se frecava le nuce…

Cippe – No, secondo me no. Secondo me non li chiama perché ci-ha tutti lu stessu copione, vecchiu e risaputu, justu li stupeti li po’ sta angora a sindì. Tutti quill’atri se ne freca e va spettènne che more de morte naturale.

Ciòppe – Capirai, allora… me sa che io non la ricordo… e comungue pole esse che ci-hai rajò. In effetti, su ‘stu firme ch’imo fatto ce statìa sett’otto contadì (e quissi non pole mangà), po’ ‘na quindicina de riccù che però quattro cingue adèra viri, l’atri avìa pijato li costumi in… in… 
Cippe – In comodatu d’usu? In prestitu? Che voli dì’?

Ciòppe – Macché… me sa che vinìa tutti da Londra, mentre tu ghjavi su, perché ha ditto ch’avìa pijato li custumi in leasing, ccuscì putìa sparagnà su le tasse! Ma che ce rrendra, mica ho capito!…

Cippe – Adè che adè tutti risicchi de la madosca, non tira fori un cendè’ per fa cambà ll’atri mango se te raccomanni a mà’ piegate!

Ciòppe – Ah questo lo saccio. Penza che ‘na ‘ota, avìo chiamato un amicu a parlà’ de li scojattulitti che rischia la morte perché magna le nuce ‘vvelenate co’ la droga, no? Mbè, agghjo chiesto se chidù me dava ‘na mà’ a pagà’ un trongu per ‘stu purittu che vinìa. Oh, voli sapé’ quanto agghjo tirato su?

Cippe – Tre frasche e un mucchjittu de foje secche?

Ciòppe – Nòne, esageratu! Mango quelle! Zero. Ze Ro!

Cippe – Allora stimo pari, perché io per rimedià’ mmoccò de janna agghjo scritto a tutte quesse industriali premiate, de ecco otre, co’ un bellu regalu dendro la vusta… ahò, ce ne fosse stata una ch’à risposto porcu! Mango grazie, m’ha ditto!

Ciòppe – Tu pure, però… non ci-hai ritegnu! Te poli presendà co’ li regali dendro le vuste? Mica stimo a Tangentopoli!

Cippe – E mica c’aìo misto li sordi! Io glieli chjdìo…

Ciòppe – Adè l’istesso! La vusta adè sembre sospetta…

Cippe – Allora ‘n’atra ota vaco a bussà’ co’ li piedi, che ci-ho le mà’ ‘mbicciate co’ lu cistu de li regali!

Ciòppe – Eppò non consideri che ce sta la crisi? Non vidi che llà lu Sferisteriu li fa bboccà gratisse? E perché, scusa? Perché, puritti, non ci-ha li quatrì, no?

Cippe – Hi detto la parola justa: puritti! In crisi in Italia ce sta solo li puritti…

Ciòppe – Ooh, vidi che capisci, allora? Se me dai retta, che ‘ota, poèsse che la sfanghimo da ‘che parte. Per un presembiu: tu lu sai fa lu sartimbangu? Le sai scrìe le poesie? Se te rvesti da scoiattola te ce pole crede che non zi un maschiu?

Cippe – Io ci-ho la mia dignità. E non ce pozzo rinungià’.

Ciòppe – E allora crèpa e non roppe li cojombrisi!

Cippe – Scìne, ma sembre con dignità.

Ciòppe – Daje, romiciu: caccia ‘sse nuce ch’ì rportato da Londra, che me crocchia le vudelle…

Cippe – Le nuce a Londra mica ce sta! Però agghjo rtroà-to li plumcake… Tu portéte lo vì’ cotto che ce li magni-mo!

Ciòppe – Mica va vè’… Io te devo portà’ lo vì’ bbono e tu me passi le monnezze?

Cippe – Allora portéte tutto tu, ccuscì stimo più condendi. Tu magni la robba vona e io non spenno cosa.

Ciòppe – E va vè, facimo ccuscì… anghe se, non saccio perché, ma a me me pare che, sotto sotto, ce sta ‘na bbella ‘ngulata!

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2129386