• Prassi

Vuoi associarti?

Cippe, Ciòppe e le disfunzioni, tra buche e ricordini

Print Friendly

A cura di Filippo Davoli e

Fernando Pallocchini

 

cioppe

 

Cippe – Lo sai che agghjo fatto l’atru jornu? M’ero stufatu de sta’ in cambagna, so’ calatu jò da la cerqua e so’ jitu a Macerata. Ma lo sai che ho rischiato la vita?

Ciòppe – Ma che dici? T’ha pijato sotto ‘na machina?

Cippe – Nòne, co’ le machine m’adè jita vè’, ma ho rischiato grosso, e lo sai perché? Caminàvo su pe’ la strada, e su li sampietrini ogni tando c’era ‘na bella vuscia e sai com’è, io so’ u’ scoiattulittu, so’ picculittu e ogni ota che ghjavo dendro la vuscia non me vidìa e me pistava tutti! Ma me domanno e dico: perché no’ le ‘ghjusta le vusce?

Ciòppe – Ma comme… no’ le ‘gghjusta?

Cippe – No, no, no’ le ‘gghjusta, adè pjno! E mica solo su lu cendru, ci sta le vusce dapertutto!

Ciòppe – Ma che dici! L’atra settimana m’ero stufatu de sta in cambagna…
Cippe – Pure tu? E perché non m’hi ditto gnende ‘ché ‘nnavamo su inzieme?

Ciòppe – E perché, tu ieri me l’hi ditto?

Cippe – Non te l’ho ditto… ccuscì eriàmo pari!

Ciòppe – Beh, ‘nzomma… M’adèro stufatu de sta’ in cambagna, so’ calatu jò da la pianda e so’ jitu a Macerata: oh, mica ce so’ potutu rrià’! Le machine, le ruspe, le vusce… agghjo ditto: ma ch’adè, c’è statu ‘n attentatu? Ma vanne, m’ha ditto ‘na signora: sta’ a rfà via Roma! Hi capito? Mica se spreca pe’ ‘na vuscia, quissi adè proprio de città: quanno ce mette le mà’ je dà’ jò fforte!

Cippe – Aaaaahhhhh…

Ciòppe – Aaaaahhhhh…

Cippe – Aaaaahhhhh, hi capito? Birbi quissi…

Ciòppe – Che vurristi dì?

Cippe – Non ‘gghjusta le vusce piccole e le fa ‘mmucchjà’, ccuscì quanno n’adè tande je ce scappa un bellu appaltu pe’ l’amici!

Ciòppe – Ma no’ le ‘gghjusta’ ll’operai de la Cumune?

Cippe – Eh no, troppo semblice! Se le ‘gghjusta’ l’operai de la Cumune non costa cosa, perché quilli adè gghjà pagati, li sampietrini ce l’ha, lu cemendu ne vasta pocu… e la città sta sembre in ordine! Hi capito?

Ciòppe – Ho capito. Ma me sa che non agghjo capito!

Cippe – Vojo dì che sull’acqua tanda ce se ‘ffoca mejo e ce se ‘ffoca in tandi!

Ciòppe – Aaaaahhhhh…

Cippe – Anghe se co’ li sordi tandi ancora non ce s’è ‘ffocati mai gnisciù!

Ciòppe – Ah no? Allora me sa che non ho capito n’atra ‘ota. Anzi, me sa che simo tandi a non avé capito comme funziona ‘sse faccenne… saccio solo che m’ha toccato a rvinì a ccasa… e agghjo visto un fattu che non m’adera capitatu mai. O Cippe, seconno te, pe’ cungimà’ li cambi non se dopra più lu letame?

Cippe – Eh… per quello che saccio io quarghe condadì ‘ngora lu dopra! Ma perché me lo chjdi?

Ciòppe – Oh, sta a sindì: adèro ppena rsalitu su la pianda, che la condadina, la vicinata, adè vinuta a cungimà…

Cippe – Ma chi, Andonietta de lu Crastì?

Ciòppe – No, Marì de Ciangastorta, quella che c’ha lu cà.

Cippe – Scine, un bastardì’ che core sembre dietro a le machine! Mbè?

Ciòppe – ‘Ssa poretta cungimava ‘stu pizzittu de tera co’ la cacca de lu cà. Oh, adè passate le guardie e j’ha fatto ‘na quistiò… l’ha ccimendata fino a falla piagne! dice che ce sta da rcojela co’ lu sacchittu de plastica e la paletta!

Cippe – Ma dopo che l’ha rcorda, comme ce cungima?

Ciòppe – E che te saccio! forse addè ce se deve cungimà co’ tuttu lu sacchittu de plastica!

Cippe – Ma none, vedrai che sarà per tené pulito, penza a un poru cristià che camina e po’ la pista… je se scopre tutte le pedecate!

Ciòppe – Vedi, Cippe: se la Cumune gghjustesse le strade, la jende non duvria caminà sull’aiuole. Ecco perché pista la mmerda! Ma ‘lla pora Marì mica ci-ha colpa!

Cippe – Scì, le guardie guarda la paja e non vede lu pajà!

Ciòppe – In che senzu, che voli dì?

Cippe – Guarda le cacate per tera e non vede li sacchitti spasi in cendro: le vèstie la fa do’ je tène e la jende pure!

Ciòppe – E a chi duvrìa multà’? A la jende che li lascia pe’ strada o a quilli che non passa a rcojela?

Cippe – Se deve ‘ppostà’ e a tutti quilli che non fa le cose come va fatte, li deve sacramendà’!

Ciòppe – E comme fa? Sta tuttu lu jornu sotto lu sole, lo piòe, la née a fa le multe a le machine… non c’ha tembu pe’ tutte quess’atre cose, pora jende, no’ li capisci?

Cippe – Io capisco solo che in cambagna se sta mejo!

Ciòppe – Infatti io me domanno e dico: che ce jimo a ffa a Macerata, che qui se sta tando vene! Te fa vedé’ che se ce ‘llundanìmo vene jò issi e ce se freca casa a nuandri!

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2145399