• Prassi

Vuoi associarti?

Cippe e Ciòppe e la vecchiaja

Print Friendly

A cura di Filippo Davoli e Fernando Pallocchini

 

cippe

 

Ciòppe – Seconno te simo vecchi, Cippe?

Cippe – Adè opinabile… l’età dipènne da quale pundu de vista la guardi… se la guardi da lu pundu de vista evolutivu, a la stessa età, trend’anni fa uno era vecchju, ogghj non più; se la guardi da lu pundu de vista anagraficu, adè un fattu meramente tecnicu e impostu! Se la guardi da lu pundu de vista fisicu… dipenne da li stravizi ch’hi fatto e quandi acciacchi t’ha lasciato… da un pundu de vista mendale… io me sendo un vardasciu, tu?

Ciòppe – Io me sendo u’ scoiattulittu… vaco ancora lurzenne… certo che ‘ssa vacanza che hi passato dendro la vibblioteca t’adè servita! Hi mbarato ‘n zaccu de cose…

Cippe – Eh sci, m’ha dato l’età de la saggezza, che n’adè ‘n’atra ancora, che no’ la poli combrà’: te la devi costruì’ da sulu…

Ciòppe – Oh, me fai dolé’ la testa co’ tutta ‘ssa saggezza… io immece ci-avìo un problema co’ ‘lli suricitti che abbita sotto la pianda nostra, hi capito chi dico no?

Cippe – Chi sarrìa quissi?? Sai, io staco tando su le mie, non è che me ne freca tando dell’atri…

Ciòppe – Figurete io! E’ solo che ‘ssi tupitti joenottélli che abbita qui ssotto… oh, non m’ha ditto “lete da li c… che si vecchju e la pianda la vulimo noatri”?

Cippe – E ch’adè, mafiosi?

Ciòppe – Nòne. Adè artisti.

Cippe – Ahhh… ma se lo dice da suli o je lo dice l’atri?

Ciòppe – Boh, e che tte saccio… a me mica me ne freca cosa s’adè artisti! Ma non agghjo capito perché se deve pijà la pianda mia, quanno ce ne sta ‘na proènna ecco tunno…

Cippe – Se vede che non je rbasta quello che ci-ha…

Ciòppe – Ma io li pòzzo pure iutà’, ce mangherìa. Solo che quissi non vole l’aiutu, tando meno lu mia… e daje che squittisce, squittisce… piagne, slacrima… oh, ma sotto la pianda ‘n’atro po’ tocca chiedeje lu permessu pe’ calà jò… e che, agghjo piando mai io?

Cippe – Se è per quesso mango io… ma quissi, se fa’ cuscì, se vede che ci-ha quarghe sandu in Paradisu…

Ciòppe – E va vè, chi je dice cosa… Sfogheteve, divertiteve, ma santoddio non voréte pure le mutanne mia, eh? Che ppò’, comme poli capì’, la fortuna mia adè che non conviene mango più a calà jò, tando do vai? Le machine te se porta via, le strade adè un casì’, la jende non te ne dico… staco a casa mia, no? Ahò ce manga pure quissi…

Cippe – A me quissi non me preoccupa, me preoccupa quilli che je sta de jetro. E sai perché? Perché dice “largo ai giovani” e issi che adè vecchj non se scanza mai e intando manovra… e ccuscì la generaziò’ che je scommédava se l’ha leata da li cojombrisi e ammò se ‘ddomestica a quiss’addri… Ci-ho rajò?

Ciòppe – Eh… me sa de sci. Ma guarda che la vita adè dovendata complicata anghe su le cose semplici! Ma se pòle jì avandi ccuscì??

Cippe – Pensa, che ammò per pijà la carta de ‘ndindirindà tocca pijà l’appundamendu…

Ciòppe – Ma che mme dici? E perché?

Cippe – Perché duvìmo sta’ tutti a li commodi sua… A li commodi nostri non ce sta più gnisciù! Il motto è “Paga e taci”.

Ciòppe – Che po’ a nuà’ ce dice pure male…

Cippe – Perché?

Ciòppe – Perché quissi ce fa pagà’ le tasse, mica le scojattole! Ccuscì rmanimo sembre a biccu sciuccu… Ma seconno te, quanno lu poru Patreternu ha creato lu munnu, se lo putia ‘mmajinà che java a finì’ ccuscì?

Cippe – Ha dato tutti la corba a ‘lla poretta de Evam, ma seconno me ci-ha le corbe sue pure… Adam, no?

Ciòppe – Puritti, loro ce s’è rtroàti… ma lu serpende, co’ tutti quilli che ce statia su lu Paradisu, pò stà’ java cerchènno solo e sembre li soliti pe’ magnàsse ‘ssa mela?

Cippe – Eh no?… Per furtuna che non adera ‘na nuce… sennò je se spuntava pure li dendi… perché quissi, puritti, adè abbituati a magnà’ facenno ‘na mmoccata unica… co’ le nuce li ‘rcunuscìa tutti, perché java in giro senza dendi… e certo che, su ‘na città co’ più de trecendo associaziò’, mica lo dice che cinque camba e quill’atri tira lu fiatu co’ li dendi…

Ciòppe – Oh, ma da quanno te sci ‘cculturatu sci dovendato più cattìu… allora adè vviro che la conoscenza te ‘rrapre ll’occhj e te chjude lu core…

Cippe – None, lu core non te lu chiude! Però ll’occhj te li rrapre vè, su quesso simo d’accordu!

Ciòppe – In combenzo, core apertu o chjusu, occhj aperti o chjusi, lu governu c’ha chjuso le vocchette dell’ossigenu: tra Imu, Tarsu, vinzina e fregne varie (combresa quella de Orga…), stimo al lumicino! Eppure quissi che commanna l’ossigeno per loro lo rtròa sembre; anzi, ci-ha pure du vombole de scorta…

Cippe – Sai che te dico? Che quilli che parla de mette le vombe sbaja: bastirìa un po’ de ‘ndurmindina dendro le vombole dell’ossigeno e li facimo durmì pe’ na cinquandina d’anni, ccuscì ‘ntando rmittìmo appostu tutte le cose e quanno se sveja non capisce do’ sta, non rreccapezza più su le cose e non pole fa’ più danni!

Ciòppe – Oh, lo sai che co’ tutta ‘ssa filosofia ogghj me sta a pijà ll’anzia? Pensece n’attimo: ma quanto statimo vè’ noiatri su la pianda nostra? L’aria adè bbona, le nuce se spreca, lu pratu adè sembre verde, li cristià non se vede…

Cippe – Che vurristi dì, facìmoce li fatti nostri che quiss’addri se fa’ li fatti sua?

Ciòppe – Ecco, non saria male. Certo… ‘ssi suricitti llà sotto, porca miseria…

 

 

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2108229