• Prassi

Vuoi associarti?

Tre piante, tre serie di effetti utili

Print Friendly

A cura della Farmacia Filipponi

 

 

Cranberry

Vaccinium macrocarpon

cranberry

E’ particolarmente indicato nelle infezioni delle vie urinarie, in cistiti occasionali, recidivanti o croniche.

 

Il Cranberry, chiamato mirtillo americano o palustre, viene coltivato a scopo alimentare ed è anche rinomato per le sue proprietà fisiologiche a livello delle vie urinarie. Contiene significative quantità di antocianosidi e flavonoidi e altre sostanze che svolgono la loro azione sull’apparato urinario. I frutti di questa pianta rendono antiadesiva la superficie delle mucose, inibendo l’adesione dell’Escherichiacoli, un batterio patogeno responsabile delle infezioni urinarie. Il Cranberry è così raccomandato a quei soggetti che presentano ricorrenti infezioni alle vie urinarie, come cistiti e prostatiti.

 

Escholtzia

 

Eschscholtzia californica

escholtzia

E’ utile quando adulti e bambini non riescono a prendere sonno, hanno ansia e incubi.

 

E’ la pianta del sonno riparatore e tranquillo. La presenza della californidina, che non provoca assuefazione, ha un effetto benefico sulla qualità del sonno e sull’ansia che accompagna i risvegli notturni e gl’incubi. Sedativa ma non narcotica è tollerata dai bambini. Ansiolitico naturale, combatte lo stress e riduce il nervosismo all’origine delle turbe del sonno. Sostituisce gli ipnotici senza dare assuefazione, tossicità o effetti secondari al momento del risveglio. E’ indicata per attenuare i dolori o i crampi che accompagnano i disturbi del sonno.

 

Ortosifon

 

Ortosiphon stamineus

ortosifon

Viene utilizzata la foglia che ha una azione drenante, diuretica, combatte i calcoli biliari e urinari.

 

Le foglie contengono flavonoidi, polifenoli, oli essenziali e potassio, che hanno una forte azione diuretica aumentando l’eliminazione renale dell’acqua e di composti come il cloruro l’urea e l’acido urico. Abbassa il tasso di colesterolo e favorisce la evacuazione della bile; combatte efficacemente i calcoli biliari e renali, prevenendo le recidive di coliche nefritiche. E’ indicato nel corso di diete dimagranti equilibrate, come complemento delle misure dietetiche, per facilitare le funzioni di eliminazione dell’organismo e la perdita di peso. Si può assumere a lungo e non presenta effetti secondari.

 

Il consiglio

della d.ssa Alessia Filipponi

Alessia Filipponi

 

Piantaggine (Plantago major)

Di questa pianta viene utilizzata la foglia contro asma, tosse, laringite, raffreddore da fieno e sinusite. La piantaggine è un antiallergico delle vie respiratorie e racchiude nelle sue foglie degli iridoidi, il principale dei quali è l’aucuboside, che ha proprietà antibatteriche ed espettoranti efficaci per curare le affezioni polmonari. Le mucillagini presenti aggiungono un’azione emolliente che facilita l’espettorazione. La piantaggine è anche antinfiammatoria e antiallergica, quindi un prezioso alleato nelle allergie respiratorie e contro bronchiti, faringiti e laringiti.

 

 

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2105823