• Prassi

Vuoi associarti?

Cippe e Ciòppe a Sa’ Gnulià

Print Friendly

A cura di Filippo Davoli

e Fernando Pallocchini

 

cioppe

 

Ciòppe – So’ rtornatu ieri da le ferie… M’ha ‘nvitato mi cugina che sta de casa a Fermo, ci-ha du’ piande su ar Domu. Ce si statu mai, Cippe?

Cippe – Su al Girfalco? Comme no… c’è tande belle piande, me lu ricordo vè’. E comungue so’ statu in ferie pure io, me so’ ‘nvitatu da sulu per cui so’ rmastu a casa!

Ciòppe – Purittu… chissà che casì, tra li villeggiandi e quilli che era jiti in ferie!

Cippe – No no, io staco su un postu che adè ‘na pace de sandi… che non ce rrìa mango le machine…

Ciòppe – Ch’adè, lu cimiteru?

Cippe – None, adè lu centru storicu de Macerata!

Ciòppe – Ma che, l’ha chiusu a lu trafficu quanno non ce stavo io?

Cippe – Ma vatte via, adè che la jende ha rinunciato direttamente a venicce, perché co’ le telecamere non ce se capisce cosa. L’unica cosa che se capisce adè quanno te rrìa la fotografia llà casa… Quesso perché su lu Cumune non c’ha le palle de dì: “Chiuso è chiuso. Punto e basta”. Invece no: pe’ ccondendà un po’ a tutti, a la democristiana, te dà tutti orari strani e ccuscì scondenda a tutti!

Ciòppe – Beh… li vigili me sa che no’ li scondenda, consideranno le murde che fa… Ma armino, dimme la verità, visto che le machine non ce vene… ci-ha potuto fa ‘che spettaculittu, che congertinu, che mercatinu, insomma, checcosa…

Cippe – Tuttu ino, ino ino. In realtà, l’unicu ch’adè riuscitu a smòe un po’ le faccenne adè statu quissu nou, Micheli, che ha vuttato ‘na mà’ de ruscio llà per Corsu Cavour, ‘na mà de jallo su lu cendru storicu e u’ sgrizzu azzurru llà le Casette! Oh, pare che a li maceratesi tutti ‘ssi colori j’ha gustato…

Ciòppe – Ma quanno ha fatto ‘ssu porverò de colori ce statìo pure io. Oh, singeramende te dovessi dì’, m’adè piaciuto pure a me…

Cippe – Ce statii pure tu? E che facìi, ‘cciaccavi le janne?

Ciòppe – Più o meno… però m’adero ccuscì ‘nnamoratu de quelle che ballàa lu flamengu che me so’ mistu a rraccondà’ la Càrmene… oh, ma lo sai che a la jende j’ha gustato? E però, mango un quatrì’ m’ha dato! Va vè’ che non ce l’ha, comme sapìmo… ma armino la mossa, damme ‘na nuce, ‘n gelatu, ‘n vecchié’ d’acqua calla: gnende!

Cippe – A me m’è jita mejo. Stavo llà le Casette e ‘na fotografia de qua, una de là, un vecchié’ de vì’ bono de qua, ‘na pastarella dall’altra parte…

Ciòppe – E non me putii chiama? E tu saristi ‘n’amicu?

Cippe – Me devi perdonà’, ma co’ tuttu llu casì de jende che ce statìa, agghjo proàto a chjamatte su lu telefuninu, ma non m’hi risposto… Se vede – agghjo penzato – che se sta a divertì’ pure issu!

Ciòppe – Va vène, va… te perdono… e comungue llà a Fermo… un concertinu ‘gni sera, gratisse: ce statìa pure Giorgio Conte! Che non adè Emma, per capisse… e ppò’ le luci, la jende, li sonatori co’ le cornamuse, le taverne su ppiazza, le vandiere, ma tutti li jorni ch’à fatto Iddio! E ppò’ l’ascenzori sempre rraperti, notte e ghjornu, anghe la domennica e un saccu de parcheggi… ma che te pozzo dì!

Cippe – Eh… amicu mia, chissà quissi quanti sordi ha spiso… qui da noaddri pe’ la cultura ci-ha solo un mijone e settecentomila euri, puritti… che voli che te presenda con cuscì poco…

Ciòppe – Penza: una dell’utéme sere che ce statìo, ecco che te ‘rrìa un’orchestra che sona Ennio Morricone. Agghjo ditto: chissà se adè la Filarmonica Marchigiana… immece adè jitu su lu direttore, a la fine, e ha spiegato ch’adera l’unione de le vande fermane! E che – penza… – avia sonato gràtisse! Anghe li nostri sona gràtisse… vasta che li paghi!

Cippe – Però c’è da dì’ ‘na cosa: che ‘st’annu, finarmende, sinza tande polemiche e mango ‘na colletta, lu Cumune farrà li fochi artificiali!

Ciòppe – A me me pare ch’adè tutt’un focu, litiga unu co’ ‘n’atru da la matina a la sera… aaaah, agghjo capito! Quanno va a casa, che deve lassà jì de fa’ cagnara, ‘ttacca co’ li fochi artificiali! Oh, l’ha penzata vene, eh?

Cippe – Lo fa per non perde l’allenamendu…

Ciòppe – Loro, che? Loro no lu perde de sicuro, sa fa solo quello… adè per nojaddri, per non facce illude che s’è misti d’accordu su ‘che ccosa!

Cippe – E comme ce illude più?, comme se dice : “me nnanni ma non me ddurmi”. Cioè, ormai ce simo ‘bbituati e c’è rmasta solo la pazienza de ‘spettà che finisce tutta ‘ssa storia.

Ciòppe – Ah scine? Tu staristi pure a ‘spettà’ che finisce ‘ssa storia?

Cippe – Eh scì, per ghjrà pagina!

Ciòppe – Addè’ ce penza la Regione, a svordà… Se ce lèa la pruvingia stimo mejo der c@@@@!

Cippe – Allora ci-aìa rajò quillu che quarghe annu fa, anticipenne tutta la faccenna, scriìa: “Macerata paisittu…”. Ecco, ce stimo per ‘rrià.

Ciòppe – Ma te pare… vastirìa méttese d’accordu co’ li fermà’ e Ascoli se duvrìa ‘ccodà. Ce penzi: Macerata-Fermo, comme Pesaro-Urbino. E quissi che sse ‘nvenda?

Cippe – Che se ‘nvenda?

Ciòppe – Gnende. Vaco a Roma, rvengo jò, vaco in Angona, parlo co’ quistu, piagno co’ quillu… tra un po’ se rveste co’ la vandiera e se vutta da la finestra… de pianu tera!

Cippe – Storicamente avìa ‘nguminciato lu commissariu Valerio, a portà’ tutto in Ancona… e quissi… finisce la storia!

Ciòppe – Quale? Quale storia finisce, quella vecchia o quella nòa?

Cippe – Perché, adè cumingiata quella nòa quanno stavo in ferie io?

Ciòppe – Qui me pare che vaca a finì’ come sembre, si d’accordu co’ mme?

Cippe – E comme no? A Lasciastà…

Ciòppe – Je se frecò la moje!

 

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2145398