• Prassi

Vuoi associarti?

Tra li cundi de la serva e li versi de Leopardi Cippe e Ciòppe… aaargh!

Print Friendly

A cura di Filippo Davoli e Fernando Pallocchini

 

cioppe

 

Ciòppe – O Cippe… lo sai che m’ha ditto ‘na runnola?

Cippe – Che t’ha ditto?

Ciòppe – Pare che ce se vòle venne ‘sta bbella polla de acqua che c’imo sotto la cerqua, ma non ce riesce…

Cippe – Perché? L’acqua adè facile a vennela…

Ciòppe – Pare che non c’ha l’idee chiare su li prezzi, perché un jornu costa un saccu de sòrdi, lu jornu dopo costa meno de la metà. E ppò’ scappa fori che lu laghettu de li tassi, li vicinati nostri, ch’adè meno de la metà de la metà de lu nostru, costa tre orde tando se je vasta!

Cippe – Agghjo sindito a ddì’ ch’adè ‘na quistiò’ de parametri, ma a me pare più ‘na quistiò’ de para… culi!

Ciòppe – Però deve sta attendi, perché a forza de fa’ li paraculi pole ‘rmané ‘nculati! Anghe se, non saccio perché, quissi casca sembre in piedi…

Cippe – Ma do’ va’… una de ‘ste orde se sbiscia e sai che tonfu che fa…

Ciòppe – Dici che se pole sbiscià proprio su ‘ssa vuccia de li prezzi? Ma me spieghi comme ffà a ‘rportaje sembre diverso? Che fa comme nojaddri co’ le piande? Conda le nuce che ce sta?

Cippe – In effetti adè proprio cuscì: conda le nuce, nel senso che conda lu cemendu commerciale che ce se costruisce sopre!

Ciòppe – Sopra all’acqua??

Cippe – None, sopra li terreni. E sopra unu de quissi c’entra proprio l’acqua: quella de la piscina! Nel senso che, in base al commerciale, un terrenu c’ha un valore che poi vène moltiplicatu per un parametru ch’adè uguale per tutti. Ma se tu a li tecnici je dai meno commerciale e quilli dopo applica un parametru diversu, tu capisci che li cundi non porta e ‘llu poru Moretti, invece de jì sbattenne issu la testa pe’ li muri de Macerata, se li ‘cchiappa je ce sbatte la loro…

Ciòppe – O Cippe, che vuristi dì, che ‘ssu Moretti ce pole jutà quanno duvimo spaccà li cucummeri e non sapimo mai comme ffa?

Cippe – Te juta, te juta, co’ tuttu lo rusciu che vede dendro… pare che ‘sti jorni lu rusciu je dà fastidio sull’occhj.

Ciòppe – Non te seguo: che c’ha la congiuntivite?

Cippe – None, c’ha la centrosinistrite, ma non adè l’unicu… perché ‘ssa malatia ce la cumingia a avè quilli che fa lu tifu pe’ la Lube, quilli de lu cendru storicu, quilli che vole lu parcheggiu a Rampa Zara, quilli che non ce cape più su la piscina de viale Don Bosco, quilli che sta vloccati su lu passaggiu a livellu de via Roma, quilli che pista lu vomitu su li viculi de lu centru storicu, quilli che s’adè rrotti le palle de la lirica, quilli che a le tre no ‘rtoa un postu pe’ magnà… quilli che no’ je ‘ttacca adè quilli de centrodestra, ma sai perché?

Ciòppe – None, dimmelo tu!

Cippe – Perché agghjà de loro c’ha la centrodestrite, che pure non scherza…

Ciòppe – Che, ce se more?

Cippe – Embè… sta un pezzu avandi… adè ‘na razza in via d’estinzione!

Ciòppe – Oh, non è che tutte ‘sse malattìe ce le ‘ttacca?

Cippe – None, none, ma comme ce penzi? Noiatri c’avemo l’antidotu…

Ciòppe – E qualu sarrìa?

Cippe – Noiatri simo animali, mica cristià! Lu vaccinu nostru se chiama Lista Civica…

Ciòppe – Ogghj sendo che me parli difficile, ma me fido.

Cippe – Sendi, tu che si un filosufu: me spieghi la differenza tra etica e morale?

Ciòppe – Scine, adè facile: l’etica è quella che li pulitici non sa mango ch’adè. Lu morale adè lu nostru: sotto la sòla de le scarpe. Ma li nostri non adè cattìi, anzi: è solo che non adè adatti, perché c’ha n’atra formazione, adè nobbili de spiritu… adè cólti…

Cippe – Ma adè cólti… oppure l’ha còlti jo’ ppe ‘n cambu e ppò’ l’ha strapiandati su lu cunziju comunale?

Ciòppe – No no, adè proprio cólti! Devi sapé che, sembre llì lu voschettu dell’Abbadia, agghjo ‘ncrociato l’assessoresse a la Cultura. Ce simo misti a parlà de puisia e je agghjo chiesto du versi de Leopardi. Lo sai ch’ha fatto?

Cippe – Ch’arrà fatto?

Ciòppe – Ha fatto “aaargh”, lu versu de lu leopardu! Voli vedé? S’adè fugghjati tutti li celli da le piande, ma pure li genitori co’ le crature, s’adè ‘mbizzarriti li cavalli, li frati ha fatto sonà le cambane, s’adè ‘ffacciatu pure Roberto Massi… un finimonno culturale!

Cippe – Voli vedé ch’adè tutta colpa loro?

Ciòppe – De che parli?

Cippe – De lu cendru storicu: se quesse fa ‘ssu versu ogni jornu… e cce credo che se fugghja tutti!

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2087126