• Prassi

Vuoi associarti?

Cippe e Ciòppe… non ci-ho voja!

Print Friendly

Tra Cosmari e Sferisterio questo mondo non è serio

 

cippe

 

Ciòppe – Non ci-ho voja, non ci-ho voja… non mme scoccià, Cippe, perché ogghj proprio non adè gghjornata.

Cippe – Eppure de fori c’è lu sole, l’arietta fresca, praticamende l’unica cosa che c’ha Macerata… l’aria vona!

Ciòppe – Non ‘ngumingià’… ho ditto che non ci-ho voja: sarrà lo callo… tutta ‘ss’aria vona che dici tu… ma a me da Sforzacoste me rrìa certe vambate…

Cippe – Che ci-hai, la menopausa?

Ciòppe – None, ma me putrìa venì’ co’ ‘ssa puzza.

Cippe – Ha ditto che ammò spenne un saccu de sordi per leàlla, ‘ssa puzza… Però ce sta un problema: deve fa un impiantu più grossu sennò non va vè’… e per rimbillu ce deve portà lu doppiu de la monnezza che ce sta adesso!

Ciòppe – Quant’ir cavolo. Sta a lu pundu de partenza, anzi, me pare pegghjo!

Cippe – Sci, perché per sbassà’ la percentuale de puzza je serve lu doppiu de la monnezza, quindi la puzza cresce!

Ciòppe – Non ci-ho voja, non ci-ho voja… tu me voli fa ‘ncazzà’, ma io ogghji non ci-ho voja e non ci-ho voja. Gghjà che non so’ vulutu jì a vive jò ‘Cchiendi, da quella parte; mettéce pure che a me ‘ssu fattu me fa rosicà’ più de ‘na bbella nuce… e tu me vurìsti sguascià’ ‘sta bbella jornata co’ le precisaziò’ tue?

Cippe – Guarda che hi ‘ngumingiato tu, co’ le puzze… Che ogghj te puzza checcosa?

Ciòppe – Se condinui me ‘ngumingia a puzzà’ lu fiatu… e comungue ogghj non ci-ho voja, mango de ‘rrabbiamme co’ tte.

Cippe – Allora ‘ngazzìmoce co’ quilli de lu Sferisteriu! La sai l’urdema?

Ciòppe – Non ci-ho voja, non ci-ho voja… l’urdema? Che urdema?

Cippe – Lo sapìo che non te rtinìi. Allora… l’hi visti ‘lli manifesti tutti vianghi co’ le scritte de le crature?

Ciòppe – Scine! Ma ch’adè de lu Sfiristeriu? Non adè dell’asilu de le monneche?

Cippe – None, adè proprio de lu Sfiristeriu! E se c’ì fatto casu… pare che non ce staca le scritte de li sponsor. Allora le cose adè due: o non ci-ha più li sponsor (Regione, Provincia, etc.) oppure s’adè scordati a metteceli. Certo che facìmo sempre le figure che puzza, qui a Macerata…

Ciòppe – Più che addro, dirìo che je s’è ‘ppuzzata n’atra ‘ota ‘ssa fregna de la lirica. Ma comme sarà?

Cippe – Eppure non duvrìa puzzà: co’ tutti li vusci che ci-ha… Anche se ‘st’anno je n’è scappatu unu picculu…

Ciòppe – Picculu, je dici? ‘Na famija co’ li fiji ce cambava tre quattr’anni co’ ‘ssa cifretta… 75mila euri no?

Cippe – Eh scì. A confrondo de li vusci de prima, quistu adè come Macerata: ‘na mujica…

Ciòppe – Non agghjo capito: ‘na ‘ota lu scinnicu ha ditto che ce statìa un vusciu de 360mila euri, eppò’ ha ditto che stava in attivo, eppò ha rditto che stava in passivo però de 75000. Oh, non adè che tu, in manganza de nuce, je si jitu a mmagnà’ le vangonote e j’hi mbriacato li cundi?

Cippe – A magnalle no, casomai me ce facìo la cuccia!

Ciòppe – Eh sci che te la facìa fa a te, co’ tutti quilli che jira llà ‘ttorno! Quilli de prima, quilli de dopo, quilli de adesso non se sa… ma domanno e dico: d’inverno fa pure friddo: non stéte mejo su un bell’arberellu come noialtri?

Cippe – Apposta s’adè finite le vangonote! St’inverno, co’ tutta la née ch’ha fatto, vedrai che quissi ci-ha fatto lu focu pe’ scallasse!

Ciòppe – Quissi non c’ha la cultura de lo sopravvive. A proposito, ma adè viro che ha speso 1.780.000 euri pe’ la cultura a Macerata? E ddò l’avrìa vuttati? Do’ starìa la cultura? Do’ adè ghjita?

Cippe – Ma che te saccio… Io so solo che llà la sérva de Bandini, do’ ce sta tutti li scojattulitti amici nostri, la fondaziò ne spenne tandi de meno e realizza tando de più!

Ciòppe – Ma quesso ci-ha da fa lu scinnicu: poli mette du’ donne a gestì’ li quatrì’? Quanto dura?

Cippe – Perché, le donne spenne tando?

Ciòppe – E ‘na fregneca! La permanende, le scarpe, le vorse non te ne dico, la lampada per quanno deve jì a lu mare, li vistiti noi sennò l’amiche che dice, li rossetti, lo farde, lo mascara, l’ombretti, l’ombrelle, le cioccolate… eppò ce va vene ch’adè joenotte, sennò je ce vulia pure lu liffetinghe e ccuscì eriamo finiti!

Cippe – Eh ma anghe l’omini non scherza! Non guardà’ che nuà c’ìmo la pelliccetta e li peli li purtìmo fori e no su la lingua! Ma pare che ogghji pure l’omini se depila…

Ciòppe – E fosse solo quesso… ma che te saccio… non ci-ho voja, non ci-ho voja…

Cippe – Sindi, gghjà che stimo su quiss’argomendi… dimme un po’, tu che sai tande fregne, è viro che su lu Cumune fa lu vunga vunga e pure li scambi? Dice che s’adè scambiati le deleghe…

Ciòppe – Lu vunga vunga non ce lo saccio (eppò vurrìo capì’ chi adè che balla… justo nuà, la pora jende e noi, putimo vallà de friddo, de stenti e de ‘rrabbiature). Quanto a li scambi l’ha ditto la stamba. Lo saccio perché me so cunnito na paginetta ‘che ghjornu fa pe’ mannà gghjò ‘na nuce ‘ndigesta… e nzomma, ha ditto che ha cambiato tutto. Però l’agghjo visti su le facce… oh, adè sembre issi! Ch’avrà chiamato, lu magu Sirvan, per fa’ ‘ssa magia?

Cippe – Spetta spetta, spiegame un po’… Allora: s’adè rmasti li stessi se vede che java vè. E allora perché je ha cambiato le deleghe? C’era checcosa che non java vè? Allora non java vè! Ma allora se non java vè non ce li duvia rmette!

Ciòppe – Lo vedi che me fai ‘rrabbià’? Non ci-ho voja, non ci-ho voja… non hi capito? Ma perché non te ‘cculturi un pochetto, co’ tutti li sordi che spenne quella pora cocca per fatte ‘llargà un po’ lu cervellu? Qui adè tutti moderni: a uguale b e b uguale a. Se no’ l’hi capito, vor dì’ che non capisci. Issi ci-ha rajò. Ci-ha sembre rajò!

Cippe – Ma allora, se a uguale b e b uguale a, adè… aaa cercasi nuova amministrazione?

Ciòppe – Lo vidi che quanno voli capì’ capisci? Basta, non ci-ho voja, famme durmì…

 

A cura di Filippo Davoli e Fernando Pallocchini

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2181166