• Prassi

Vuoi associarti?

Cippe e Ciòppe a colori

Print Friendly

La notte bianca, la notte rosa,

la notte al verde, la notte… insonne!

 

cioppe

 

 

Ciòppe – Tu dormi vè’ de notte? 
Cippe – In genere scì, ma l’atra sera ho magnato se vede troppe nuce e agghjo passato la notte in biango.

Ciòppe – Allora sci a la moda!

Cippe – Ma mica solo io, basta che penzi a quandi italiani grazie a Mondi è costretti a passà’ le notti in bianco…

Ciòppe – Se vede che adesso tocca a ffà ccuscì: ammò ho capito perché la Manzi non fa addro che organizzà’ le notti vianghe!

Cippe – Perché, ci-ha li penzieri pure essa?

Ciòppe – Boh… dirìo de no! Sta su ‘n’amministraziò’ che non fa cosa… Forse le fa per noaddri, penza quant’è bbràa… Però certo che non dev’esse’ tando facile, a organizzà’ ‘sse notti vianghe…

Cippe – Che vurristi dì’?

Ciòppe – Comme che vojo dì’?

Cippe – Te riferisci a lu fattu che dice che non ci-ha li sòrdi?

Ciòppe – None, vulio dì che a unu je pare che a organizzà’ ‘na notte vianga non ce vòle cosa, immece a essa la ‘juta lu direttore artisticu nòu de lu Sfiristeriu, e comme se non vastasse anche li Stati generali de la Cultura! Oh, ce n’è vuluti più de cendo per decide’ de fa’ ‘n’atra notte vianga…

Cippe – Ma comme? Jò lu Sfiristeriu piagne sembre che non c’ha li sòrdi… come fa a ‘jutalla? Ch’adè, lu zoppu che ‘juta lu cécu?

Ciòppe – None, adè lu ‘spedale che ‘juta la Chiesa! A parte che Carangì ha ditto a tuttu fiatu che la stajò’ lirica dell’annu scorsu adè gghjta vè… eppò’, capimoce… ‘sse notti vianghe adè tando ‘mbortandi che vedrai che li quatrì li rtroa, per falle!

Cippe – Ma quissi non c’ha penzato a ffà la piscina notturna! Anziché le notti vianghe ce ficca li notatori vianghi, che tando non adè ora de jì a lu mare a ‘bbronzasse…

Ciòppe – Seconno me, invece, c’ha penzato eccome! No l’hi sindito lu scinnicu? Ha ditto che vole pagà n’atru milione e mezzu, pe ‘sse piscine… e je vole dà pure addru terenu per fa li negozi… se vede che tando in malora, su le casse de lu Comune, non ce stimo!

Cippe – Ma scì, che voli che sia… ammò sta quasci per finì a pagà lu mutuo de la piscina che non c’è… ne ‘ppiccerà n’atru. Basta che non fa comme Nerone, che ha ‘ppicciato a tutta Roma!

Ciòppe – E che te preoccupi? Se ce dà’ focu, dopo chiamerà a li Stati generali de la cultura e fa o li Stati generali de li pompieri o sennò un bellu convegnu su Macerata che non ce sta più. Sembre de notte, ovviamende…

Cippe – Ammò, co’ tutti ‘ssi penzieri che m’hi misto su la capoccia me fai passà’ n’atra notte in bianco, gghjusto pe’ non esse da meno… sennò pare che noaddri scoiattoli non sapimo fa…

Ciòppe – Oh, vorrà ddì’ che se duìmo sta sveji, putimo jì a mmagnacce che nucella in combagnia de quill’amici nostri che sta in penziò’ su lu Museu.

Cippe – Qualu dici, quillu de Dezi?

Ciòppe – E no? Agghjo parlato co’ Arturo, lu pappagallu, e m’ha ditto che ce se rtroa vè’: la retta adè bbassa, Dezi adè gendile, ce va a rtroalli un saccu de perzò’…

Cippe – A me però me n’ha ditta n’addra!

Ciòppe – E che t’ha ditto, ‘ssu chiacchierò’ de Arturo?

Cippe – S’adè mmistu co’ la testa per storto… me guardava… e ppò’ m’ha ditto: “O Cippe, ma lo sai che c’è vi-nuta a rtroà n’assessora che non sapìa che ce statìamo, qui?”

Ciòppe – Ma daje… e chi sarìa, te l’ha ditto?

Cippe – E scì, lu nome l’ha dittu ma non me lu recordo… me pare che se occupa de cultura… ma non agghjo capito se adè de coltura o de cultura…

Ciòppe – De contadì’ ce ne sta tandi, però pure pe’ la cultura ce ne sta due: quala sarìa, la mora o la vionna?

Cippe – Ah… e che te saccio? Le donne un jornu adè bionde, un addru adè rosce…

Ciòppe – Beh… quesse adè rosce tutte e due, me sa… ma ‘nzomma non te ricordi proprio quala era?

Cippe – E no, perché so rmastu sinza parole! Me dici comme se fa a non conosce’ quello che devi amministrà’ quanno sci tu che lo devi amministrà’?

Ciòppe – Ma quanno c’è jita quessa, de jornu o de notte?

Cippe – Me sa de jornu…

Ciòppe – E allora sarrà la vruna! La vionna de jornu recupera lu sonnu de la notte vianga, no?

Cippe – A Rimini s’adè ‘nvendati la notte rosa, che solo co’ lo cambiaje colore ci-ha avutu un saccu de successu!

Ciòppe – Ah ma per quesso ci-ha penzato lu sfiristericu, quillu Micheli: ha ditto che fa ogni quartiere de un colore, a seconna de le opere. Ghjallu, rusciu, bblu… praticamende un paliu de le contrade…

Cippe – Beh, non ce lamindimo: mejo quesse che le notti in biango de Monti… che ci-ha lasciato tutti… al verde!

A cura di Filippo Davoli e Fernando Pallocchini

 

 

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2087126