• Prassi

Vuoi associarti?

Cippe e Ciòppe e la città sportiva

Print Friendly

A cura di Filippo Davoli

e Fernando Pallocchini

 

cippe

 

Cippe – “De che parlìmo ogghj?”

Ciòppe – “Zittu, coccu… staco tando depressu…”.

Cippe – “E perché?”

Ciòppe – “Sarrà ‘sta crisi… saccio solo che qui c’imo ‘na concorrenza sleale!”

Cippe – “Ma su che?”

Ciòppe – “Su la satira, no?”

Cippe – “Su la satira? Ma che mme dici? Na ‘ota ce statìa solo La rucola, ammò chi ce sta?”

Ciòppe – “Li pulitici!”

Cippe – “Aaahhh, e allora c’hi rajò’! Su lu Cumune adè ‘na comica, su la Regione non te lo dico, lu Sfiristeriu eppò’ non è più lu tempiu dell’opera ma de le farse…”.

Ciòppe – “E ll’Italia, poretta? Adè circondata da tre mari e la sta a distrugghje Monti…”.

Cippe – “Però ce sta da dì’ ‘na cosa: che l’ironia de quissi politici fa piagne da lo rride, ma a la fine fa solo che piagne per daéro, immece la nostra adè pungente, stimolante, per rraprì ll’occhj a la jende”.

Ciòppe – “In quesso ci-hai rajò’, perché la jende se lamenda che je dòle la panza o la capòccia, ma quann’è la fine da lu dottore mica ce va… ci-ha paura de sapé’ quello che ci-ha, se pòle evità’ evita. E ccuscì fa per tutte le cose: piagne mbochetto, ma quanno rrìa a ccasa spegne tutto…”.

Cippe – “E guarda solo il grande fratello…”.

Ciòppe – “Ppare de no, perché ha ditto che lu chjudìa, che non ci-avìa l’odienz… ma tando che cambia? Se mette a guardà’ tutto quell’atro: adè tando differende?”

Cippe – “Che ppò’ ‘sta situazione ha generato un fattu: prima erìamo un populu de santi, navigatori e poeti. Adesso simo dovendati un populu de guardoni”.

Ciòppe – “E no? Prima armino non facìa perché adèra sandi e se occupava de nostru Signore. Po’ s’adè occupati de le signore… e facia… ammò ha rcomingiato a non fa, ma pe’ guardà’… sarìmo misti male?”

Cippe – “Certamente. Anche perché a stimolà’ solo la vista, è impedito il pensiero. E ecco che allora rriàmo noandri che co’ la satira cerchimo de risvejà il pensiero. Ma pare ch’adè divendato più complicatu che mai…”.

Ciòppe – “Adè viro, ma sai perché? Perché li penzieri, urdimamente, adè tutta na pugnetteria. E mica ci-ha attinenza co’ la vita! None, unu se sveja, je vene ‘na penzata e dovenda legge. E pretènne che tutta la vita se svorda e se cutula pe jì d’accordu co’ quillu penzieru. Ammò: se lu penzieru adè de ziema… chissenefreca! Pegghjo per essa, pora cocca, e per quilli puritti che la sta a sindì’. Ma se ‘ssu penzieru lu fa chi commanna… e allora adè cazzi de tutti!”

Cippe – “Eppò’ ‘n’atra consideraziò’. Ammò basta a jì su feisbucche, per vedè quello che penza le persò’!”

Ciòppe – “Perché, tu ce vai? ”

Cippe – “Eh… che ‘òta tocca jicce per vedé’ quello che scrìe ll’atri, ma adè un mare magnum de stronzate, e per de più scopiazzate qua e llà.”

Ciòppe – “Fregna! Ma comme… mango pe’ copià’ sceje la robba vona?”

Cippe – “E no, perché copia a casacciu, basta che copia e che je fa effettu…”.

Ciòppe – “Mamma mia, e chissà ppo’ l’atri quande je ne dice!”

Cippe – “Ma vanne, tutti se fa li cumprimendi! Quando sci vrau… che bbelle parole… i laicche…”.

Ciòppe – “Cioè? Je dice che adè laici?”

Cippe – “None, adè inglese… vor dì’ che je piace!”

Ciòppe – “Ah, ecco… scusa sa, ma io oltre a le nuce non adè che capisco tando…”.

Cippe – “Invece, secondo me, le persone per sta’ mejo, invece de smanettà’ ll’ore su lu piccì, duvrìa praticà mbo più de sporte!”

Ciòppe – “Ah sindi, lu sporte fallu tu perché io so’ pigru, me dòle la coda, la pilliccia me se sguascia… de la linea non me ne freca cosa, anche perché ce ‘sta na scoiattoletta che ‘na ‘ota avìo fatto ‘na dieta e non m’ha voluto perché je parìa che stavo per murì’. Allora, sai che te dico? Io magno e lu sport fallu tu. Che ppò do’ lu dovrìo jì a ffa’, ssu sport, a Macerata?”

Cippe – “Qui te daco rajò’. Analizzimo la città: voi fa nuotu? E mica c’ìmo la piscina! C’ìmo ‘na vagnarola!”

Ciòppe – “Beh, per nuà’ va vène, pegghjo pe’ li cristià!”

Cippe – “Considera ch’è sempre piena e ‘lli puritti che la gestisce fa li miraculi! Co’ li frichi che pija un saccu de medaje quanno va’ a ffà’ le gare…”.

Ciòppe – “Ah sci? Dìmme ‘n po’, se ce jimo pure noi a ffa’ sse gare, ce le rimedia mbar de nuce?”

Cippe – “Scìne, ccuscì dopo le pacchimo a metà e ce putimo jocà co’ le varchette…”.

Ciòppe – “Do, sull’oceanu de la vagnarola?”

Cippe – “No, lì è pieno: ce jimo su le pozzanghere de via Berardi quanno pioe…ah ah ah ah!”

Ciòppe – “E comunque io non saccio notà’. Che addri sport se pole fa a Macerata?”

Cippe – “Boh… io speravo tando su la cittadella de lu sporte, ma anghe llì ‘ss’amministratori non adè sportivi per gnende, no’ la vole fà’…”.

Ciòppe – “Ma se pole sapé’ perché non ce la fa? Prima a noandri scojattoli ci-ha mannato su le piande dell’abbazia perché je sirvìa lu terrenu e imo spostàto le tane. Ammò? Che j’ha pijato?”

Cippe – “C’era ‘na ‘orda lu pianu piccinatu che stabilìa do’ se duvìa fa’ la zona pe lu sport. Ammò a quissi ch’è rriàti adesso ‘ssa zona non je piace più, anche se onestamente c’è da dì’ che non se capisce se che caulu je piace! Allora adè scappate fora un saccu de storie, la tèra costa troppo anche se lu prezzu adè lu sua, la tèra è troppo in pendenza anche se piccinatu ce lo sapìa fin dall’iniziu e ghjava vè’, e adè scappata fori la solita storia…”.

Ciòppe – “E quala sarìa?”

Cippe – “Che non ce sta li sordi!”

Ciòppe – “Aaaaaaaaaahhhhhhhhhhhh…”.

Cippe – “E lu pattu de stabilità!”

Ciòppe – “Aaaaaaaaaahhhhhhhhhhhh…”.

Cippe – “E la frégna de Orga!”

Ciòppe – “Aaaaaaaaaahhhhhhhhhh…”.

Cippe – “Allora quissi ce duvrìa spiegà’ comm’adè che lu capoluogo de provingia non ci-ha un sordu e li cumuni intorno, ch’adè picculi picculi, costruisce tutti!”

Ciòppe – “Ma datte all’ippica!”

Cippe – “E do’ che non ci-aìmo manco l’ippodrumu!”

Ciòppe – “Ma allora vanne a jocà’ a ppallò!”

Cippe – “E ddò? Su lu cambu de la Vittoria che l’ha fattu Mussolini? O jò l’Helvia Recina che casca a pezzi?”

Ciòppe – “Ma non ce sta quillu a Collevariu che lu sta a rfacenne adesso?”

Cippe – “No, quillu non me piace, quillu adè sindeticu! Te piace a te le nuce o le janne sintetiche?”

Ciòppe – “Embè’… dirìo porbio de no!”

Cippe – “Sicunno te, dopo tutto quello ch’imo ditto, Macerata pole esse’ la città de lo sporte?”

Ciòppe – “Beh… a judicà’ da tutti li supermercati che sta scappènne fori, a mme me pare più che atro… la città de le sporte!”

Cippe: “Ah ah ah ah ah… bella quessa! La città de le sporte! Ah ah ah ah ah!”

Ciòppe – “A mme tutto ‘sso rride e ‘sso criticà’ m’ha fatto vinì’ ‘na fame… ma scì! Ghjimo a fa’ merennetta … ci sta ‘na pianda de nuce qua jò sotto…”.

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

  • Visite Totali: 2035461